CASE: RIPRENDE LA DISCESA, VERSO UN ‘DOUBLE DIP’

10 Febbraio 2010, di Redazione Wall Street Italia

I prezzi nel settore immobiliare tornano a sgonfiarsi e, nella media Usa, sono destinati a toccare il fondo a meta’ anno. Lo fa sapere Zillow.com, il quarto piu’ grande sito internet dedicato al real estate.

In 29 dei 143 mercati coperti dalla societa’ (inclusi quelli di Boston, Atlanta e San Diego) i listini si sono abbassati. I prezzi delle case in altre 29 aree (Los Angeles e New York comprese) sono cresciuti nell’ultimo trimestre dell’anno scorso. Ma il tasso di incremento ha subito una frenata.

A livello nazionale, negli ultimi tre mesi del 2009 il valore delle abitazioni ha registrato un calo del 5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. La flessione e’ di mezzo punto percentuale su base trimestrale.

Per i tuoi investimenti, segui il feed in tempo reale di Wall Street Italia INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

“Durante l’anno scorso abbiamo assistito a una stabilizzazione dei prezzi, ma ora ci sono chiari segnali di imminenti contrazioni”, ha spiegato Stan Humphries, capo economista di Zillow. In una nota stampa ha aggiunto che “quanto osservato soprattutto a meta’ 2009 non e’ stato altro che una boccata d’ossigeno che ha fatto seguito a un’importante correzione del mercato, che pero’ non e’ ancora finita”.

Lo studio si concentra anche sulla percentuale delle case mono-famiglia il cui valore e’ praticamente piu’ basso di quando il mutuo acceso per finanziarne l’acquisto era stato siglato. Il dato e’ leggermente cresciuto rispetto al trimestre prima.

Coloro che hanno perso la propria casa con un pignoramento hanno raggiunto il livello massimo a dicembre: oltre una abitazione ogni mille unita’ e’ stata oggetto di un simile provvedimento in quel mese. Ma il sito internet aveva registrato simili dati da quando ne e’ iniziata l’elaborazione nel 2000.
Incentivi fiscali, bassi tassi di interesse e un’attivita’ di prestito piu’ generosa da parte della Federal Housing Administration sono tra i fattori citati dall’economista che spiegano il trend in atto.