Casa: boom di acquisti tra gli immigrati, in 12 anni investiti 100 miliardi

7 Agosto 2019, di Mariangela Tessa

I lavoratori immigrati investono nel mattone: tra il 2006 ed il 2018 – secondo quanto emerge dal quindicesimo Rapporto “Immigrati e casa: un mercato in crescita” realizzato da Scenari Immobiliari, hanno acquistato 860 mila abitazioni per un valore di 100 miliardi di euro.

Complessivamente, secondo quanto emerge dallo studio, il 21,5% degli immigrati abita in una casa di proprietà. Circa il 63,5% è in affitto, mentre il 7,7% abita presso il luogo di lavoro e il 7,3% alloggia presso parenti o altri connazionali.

E la crescita non si ferma qui. L’incremento delle compravendite stimato per il 2019 è del 13,7%, per un totale di 58mila case comprate e un fatturato stimato pari a 5 miliardi di euro (+11,1%).

Tutto questo mentre l’incidenza percentuale delle compravendite perfezionate da immigrati sul totale compravendite, sempre nel 2019, si attesterà a circa il 9%.

Le dieci province dove si concentra il maggior numero di acquisti da parte di immigrati sono Milano, Roma, Bari, Torino, Prato, Brescia, Cremona, Vicenza, Ragusa, Modena e Treviso.