CASA BIANCA: BILANCIO VITTIME ATTACCO YEMEN

12 Ottobre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Cinque morti, 12 dispersi, 36 feriti. Questo il bilancio provvisorio delle vittime dell’attacco terroristico avvenuto questa mattina nel porto di Aden nello Yemen.

Il segretario alla difesa William Cohen, che sta parlando in questo momento da Washington, ha confermato la disponibilita’ del governo dello Yemen a collaborare con le indagini e messo a disposizione strutture mediche e militari per far fronte all’emergenza nel porto di Adan.

Il presidente americano Bill Clinton e’ intanto al lavoro con i suoi consiglieri e con il segretario di Stato Madeleine Albright per far fronte all’escalation della crisi in Medio Oriente.

Questa mattina elicotteri israeliani hanno bombardato il quartier generale del leader palestinese Yasser Arafat, in quel momento assente, come ritorsione al linciaggio di tre soldati ebrei avvenuto a Ramallah.

L’episodio, che lo stesso Arafat ha definito “una dicharazione di guerra”, mina pesantemente le gia’ fragili trattative di pace tra i due stati mediorientali.

Dopo le ritorsioni dell’esercito israeliano in territorio palestinese, un commando terrorista suicida ha portato a segno un attacco contro un’unita’ della Marina militare americana che si trovava al largo delle coste dello Yemen, provocando la mporte di almeno cinque marines.

In borsa, sulle notizie provenienti dal Medio Oriente, i titoli petroliferi, quelli finanziari e del trasporto aereo sono precipitati in caduta libera.

L’indice Dow Jones dei trenta principali titoli industriali e’ stato trascinato in area 10.000 punti, con una cessione di oltre 300 punti che ha fatto scattare il blocco degli ordini automatici di vendita, una misura per contrastare l’eccesso di ribasso.