Cambi, l’euro batte in ritirata dopo dati USA migliori delle attese

30 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Si indebolisce la moneta unica nei confronti del dollaro, dopo la diffusione del dato sul PIL statunitense del secondo trimestre che è stato rivisto al rialzo con un +1,7% contro il +1,6% della stima precedente e del consensus. L’euro che prima della lettura del dato scambiava sul dollaro a 1,3572 ora batte in ritirata e scambia a 1,3652 dollari. A zavorrare l’euro contribuisce anche l’altro dato sul mercato del lavorop anche questo migliore del consensus. Si attestano, infatti a a 453 mila le nuove richieste di sussidio alla disoccupazione relative alla settimana al 25 settembre 2010, in calo di 16.000 unità rispetto al dato precedente rivisto di 469.000 unità. Le attese degli analisti erano per un calo a 460 mila.