Cambi, euro resta al palo ma risale dai minimi

8 Giugno 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – L’euro si muove ancora in trading range, anche se recupera dai minimi toccati ieri sotto gli 1,19 USD. La moneta unica scambia infatti a 1,196 dollari (+0,3%), mantenendo i livelli medi della giornata precedente. A pesare sull’euro concorrono ancora i timori di un aggravamento della crisi europea, nonostante il coraggioso Piano anti-crisi varato dall’Ungheria, l’ultimo Paese in ordine di tempo ad aver accusato l’impatto di condizioni economiche e finanziarie difficili. Le preoccupazioni di una doppia caduta in recessione, alimentate nei giorni scorsi dal dato occupazionale americano, sono state solo parzialmente attenuate dalle parole del Presidente della FED, Ben Bernanke, che ha escluso l’ipotesi di “double dip”. In ogni caso, restano sostenute le cosiddette valute rifugio, qual’é il dollaro. Ripiega invece lo yen, anche in scia ad alcuni dati economici deludenti come il leading indicator ed il saldo delle partite correnti. Il dollaro così scambia a 91,89 yen (+0,45%) e l’euro a 109,93 yen (+0,8%).