Cambi, euro debole in avivo di giornata

17 Giugno 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – L’euro avvia la giornata all’insegna della debolezza, dopo l’exploit registrato negli ultimi giorni. La moneta unica, che questa settimana ha beneficiato di un ritorno di fiducia nei confonti dlela solidità dell’Eurozona, oltre che di ricoperture, era salita martedì sino a massimi di 1,235 USD, per poi avviare un leggero ridimensionamento. Questa mattina il cambio euro/dollaro si attesta a 1,228 USD (-0,15%), in una seduta caratterizzata da ricchi spunti sul fronte economico. In mattinata arriverà il bollettino mensile dlela BCE. ma sono in calendario anche i dati delle vendite al dettaglio in Regno Unito e della produzione nelle costruzioni in Eurozona. Nel pomeriggio arriveranno i dati sull’inflazione in USA, oltre ad una serie di altri importanti indicatori come il leading indicator ed il Philly FED. Fra le altre valute sembra stagnare lo yen, con il dollaro che scambia a 91,3 (-0,07%) e l’euro a 112,11 (-0,24%). Il leading indicator giapponese non ha evidenziato grandi sorprese, essendo stato confermato in leggero calo a 101,7 punti.