CALMA APPARENTE SUL MERCATO USA, SPREAD SUI BOND AL MASSIMO STORICO

23 Dicembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

(WSI) – Tassi di interesse: in area Euro i tassi di mercato sono saliti soprattutto sulla parte lunga della curva con lo spread 2-10 anni aumentato a 208pb da 203. A pesare sui titoli governativi ha contribuito il proseguimento del rally natalizio azionario sui principali listini mondiali.

Sul fronte Grecia, si è verificato un recupero dei bond dopo il downgrade di Moody’s di un solo notch, poiché il mercato si aspettava un taglio di rating maggiore. La BoE ha dichiarato che da gennaio comincerà a vendere sul secondario bond corporate in modo da aumentare la liquidità. La banca centrale ritiene che sebbene la liquidità nel primario sia migliorata nel corso dell’anno, le condizioni nel mercato secondario siano invece ancora difficili.

Sul fronte macro oggi non sono attesi dati di rilievo a livello europeo. Segnaliamo le vendite al dettaglio italiane di ottobre. Sul fronte offerta di titoli governativi, ieri la Francia ha reso noto il programma per il 2010: le emissioni al netto dei buyback raggiungeranno il valore record di 188Mld€, in rialzo dai 165Mld€ del 2009. Le emissioni nette includeranno circa il 10% di titoli indicizzati all’inflazione. Inoltre la Francia esaminando l’ipotesi di emissione di un titolo a lunghissimo termine con scadenza fra 40-50 anni. Sul decennale governativo tedesco il supporto si colloca al 3,24%, la resistenza a 3,30% e 3,35%.

Negli Usa tassi di mercato ancora in rialzo soprattutto sulla parte a lungo termine, portando il differenziale 2-10 anni ad un nuovo record storico a quota 285pb. L’andamento del mercato obbligazionario è coerente con il rialzo del mercato azionario che ieri ha raggiunto il nuovo record degli ultimi 15 mesi in termini di indice S&P500. A contribuire al favorevole andamento dei listini azionari, sono arrivati alcuni dati macro del comparto immobiliare: le vendite di case esistenti hanno segnato a novembre un recupero del 7,4%, ben superiore alle attese, portando il tempo medio di invenduto a 6,5 mesi, il minimo da fine 2006.

I dati sul Pil del terzo trimestre hanno invece segnalato una revisione al ribasso: la crescita annualizzata è stata portata da +2,8% a +2,2%, principalmente a causa della revisione peggiorativa della contribuzione della spesa delle famiglie, della spesa pubblica e delle scorte. In quest’ultimo caso il dato potrebbe però essere ricollegato ad una maggiore necessità di attingere dalle scorte, in presenza di una domanda superiore alle attese che in parte ha spiazzato i produttori. Oggi avremo altri dati di novembre utili per meglio definire le stime per il quarto trimestre per il quale l’attesa è di una crescita annualizzata di almeno il 3%.

Valute: Dollaro ancora in apprezzamento vs. Euro, raggiungendo area 1,42. I dati sul mercato immobiliare Usa insieme al proseguimento del rialzo dei listini azionari, hanno comportato un ulteriore flusso di acquisto di Dollari. Nel breve ribadiamo il supporto in prossimità di 1,4170. Ieri il rialzo delle borse mondiali ha favorito il deprezzamento dello Yen, con il cross verso Dollaro giunto in prossimità dei massimi da ottobre. La resistenza si colloca in area 92-92,33. Verso Euro il cross trova un livello di resistenza a 131,60. Questa notte la chiusura dei mercati giapponesi per festività ha dato luogo ad una bassa volatilità della valuta nipponica.

Materie Prime: in rialzo il greggio Wti (+0,9%) nella giornata in cui l’Opec ha lasciato invariato il totale delle quote di produzione a 24,825Mln b/giorno. Il cartello ha dichiarato di essere soddisfatto del livello di prezzo compreso tra 70 ed 80$/barile. In calo i metalli industriali guidati dall’alluminio (-1,2%). Negativi anche i preziosi con l’oro (-0,9%) che si è confermato al di sotto di soglia 1100$/oncia. Tra gli agricoli forte rialzo per lo zucchero (+3,5%) salito ai massimi da 28 anni. Positivo anche il grano (+0,%). In calo il caffè (-2,2%).

Copyright © Servizio Market Strategy MPS Capital Services per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved

*Questo documento e’ stato preparato da MPS Capital Services ed e’ rivolto esclusivamente ad investitori istituzionali ovvero ad operatori qualificati, così come definiti nell’art. 31 del Regolamento Consob n° 11522 del 1° luglio 1998 e successive modifiche ed integrazioni. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.