C’e’ del marcio a Hong Kong. E minaccia la bolla immobiliare

22 Giugno 2010, di Redazione Wall Street Italia

Doveva essere l’affare immobiliare piu’ grande del mondo, invece si e’ rivelato un vero e proprio flop da fare cosi’ rumore che ora le autorita’ competenti intendono vederci chiaro.

La location e’ Hong Kong. Il protagonista della vicenda: il miliardario Lee Shau Kee e la sua Henderson Land. Oggetto delle indagini: le vendite (presunte o, se si vuole essere in buona fede, “saltate”) di appartamenti di lusso dai prezzi esorbitanti ($11325 per piede quadrato) associati a “numeri fortunati” su cui far leva nella psiche dell’acquirente scaramantico.

A ottobre, quando le vendite record furono annunciate, c’era chi sosteneva che gli alti prezzi nel real estate di alta gamma non avrebbero condizionato il mercato in generale. Da allora pero’, c’e’ stato un incremento del 30-40% in tutto il settore immobiliare tanto che l’Economist ha classificato Hong Kong come la citta’ con i ptrezzi piu’ sopravvalutati.

Se vuoi guadagnare anche in fase di ribasso con i titoli e i comparti giusti, segui INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.86 euro al giorno, provalo ora!

Le cose sembravano andare per il verso giusto per l’immobiliarista, come dimostrava l’annuncio di una vendita di 24 appartementi in blocco, incluso quello su due piani considerato il piu’ costoso al mondo ($56.6 milioni). A comprare un’acquirente dall’identita’ rimasta nel mistero. Il Land department chiese ben sei volte conferma dell’operazione e Lee Shua Kee rassicuro’.

Peccato che la transazione di 20 su 24 appartamenti non sia stata completata. Ora analisti e autorita’ si domandano se si tratti di un accordo semplicemente andato in fumo o se sia stata una mossa pensata per spingere al rialzo i prezzi nel segmento lusso.

Il governo si trova cosi’ a fare i conti con pratiche tutt’altro che trasparenti. E forse dovra’ anche rivedere le sue stesse politiche: l’atteggiamento e’ sempre stato morbido con i costruttori. D’altra parte, la vendita di terreni ha sempre rappresentato una delle principali fonti di ricavo per l’amministrazione. L’ultimo esempio e’ dato settimana scorsa: $1.4 miliardi per quello che e’ stato definito un piccolo appezzamento. Insomma, nuove regole nelle vendite di proprieta’ sembrano essere all’orizzonte.

Intanto per Henderson Land i conti del primo trimestre potrebbero registrare una perdita record di $94 milioni. Il mercato immobiliare e’ l’ennesima bolla pronta ad esplodere.