Buyout: seguaci tra imprese familiari tedesche

19 Ottobre 2006, di Redazione Wall Street Italia

I dipendenti di Maerklin, casa tedesca produttrice di trenini da collezione, in maggio erano scesi in piazza per protestare contro il rifiuto di tre esponenti della famiglia proprietaria della società di vendere ad una società specializzata in acquisizioni.
“Meglio venduti che traditi,” dicevano i loro striscioni. La famiglia poi ha ceduto il controllo della fabbrica alla londinese Kingsbridge Capital Ltd.
“Gli investimenti erano urgentemente necessari,” dice a Bloomberg News Franz Jordan, responsabile della rappresentanza sindacale presso la Maerklin a Goeppingen, nel sud est della Germania. “Kingsbridge aveva detto che avrebbe investito.”