Business: imprenditori usano il cervello in modo differente

6 Febbraio 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Ci sono molte differenze tra chi sceglie di intraprendere la carriera del manager – intendendosi per manager in senso stretto colui che gestisce una attività che non è propria, ma di altri – e chi, invece, decide di fare il grande salto, diventando imprenditore, e mettendosi dunque in proprio, rischiando il proprio capitale. Alcune di queste differenze risiedono nel funzionamento del cervello.

Secondo un recente studio condotto da Maurizio Zollo, professore al MIT, di fronte ad un’attività di tipo esplorativo, ovvero quel genere di attività in cui si è chiamati a cercare una via diversa per raggiungere gli obiettivi, il cervello di un manager e quello di un imprenditore lavorano in maniera diversa.

Mentre il secondo usa contemporaneamente l’emisfero destro e sinistro del proprio cervello, il primo tende a “far lavorare” prevalentemente quello sinistro. Questo non vuol dire che gli imprenditori siano più intelligenti dei manager. Piuttosto che, quando si tratta di esplorare, le due categorie usano il loro cervello in modo diverso.

Si tratta di un’importante differenza – fa notare lo studio – in quanto l’emisfero destro è associato a tutte le attività creative mentre quello sinistro regola le attività di tipo razionale e dunque più esecutive.