BUSH DICE NO (GIUSTAMENTE) A GENERAL MOTORS

31 Ottobre 2008, di Redazione Wall Street Italia

GM perde il 7% circa nel pre-borsa dopo che tre fonti hanno detto a Reuters che le trattative per la fusione con Chrysler LLC sono in una fase di impasse dopo che l’amministrazione Bush ha escluso di dare un contributo finanziario all’operazione. Il no dell’amministrazione e’ anche motivato dal fatto che le tre maggiori case auto americane (GM, Chrysler e Ford) hanno appena ricevuto $25 miliardi, in parallelo al pacchetto di salvataggio da $700 miliardi stanziato dal governo.