Bulgaria: Ferrovie, 162 mln per Astaldi

1 Agosto 2007, di Redazione Wall Street Italia

Il ministero dei Trasporti bulgaro aggiudica ad Astaldi il contratto per la progettazione, la realizzazione e l’ammodernamento di 104 chilometri della linea ferroviaria Plovdiv-Svilengrad, parte dei corridoi europei (Ten) quarto e nono, per un importo pari a 162,5 milioni di euro. Lo rende noto la società spiegando che il contratto prevede la progettazione e realizzazione di una nuova linea ferroviaria a binario singolo che si estenderà per circa 90 chilometri e la riabilitazione di una linea già esistente di circa 15 chilometri.
L’avvio dei lavori è previsto per il primo trimestre del 2008, con una durata complessiva pari a 39 mesi. “Questo contratto – spiega l’amministratore delegato Giuseppe Cafiero – rafforza la già consolidata presenza del Gruppo in Europa dell’Est e sancisce l’ingresso in un nuovo Paese, la Bulgaria, già da tempo identificato come area di potenziale espansione dalla vicina Romania, storicamente presidiata dal Gruppo. Un primo successo della volontà di guardare con attenzione alle opportunità offerte dai mercati limitrofi alle aree di interesse strategico“.
Il Gruppo Astaldi, spiega la società, è presente da oltre venti anni in Europa dell’Est, dove di recente si è aggiudicata in Romania i lavori di ammodernamento della tratta ferroviaria Bucarest-Costanza, per 178 milioni di euro, e il progetto Basarab overpass, per la realizzazione di un sovrappasso stradale nella città di Bucarest del valore di oltre 113 milioni di euro.
L’accordo firmato in Bulgaria fa il paio con quello siglato il 4 luglio scorso con il ministero dei Trasporti della Repubblica di Algeria che ha aggiudicato al Gruppo Astaldi il contratto per la progettazione e la realizzazione di 120 chilometri della nuova linea ferroviaria Saida-Moulay Slissen, per un importo pari a 616 milioni di euro. Il contratto prevede, tra l’altro, la progettazione e la realizzazione di 30 ponti ferroviari e viadotti, 16 sovrappassi, 4 stazioni, uno scalo merci, un deposito per le attività di manutenzione e 3 stazioni di scambio, lungo un tracciato che si snoda perpendicolarmente rispetto a quello della linea ferroviaria Mecheria-Redjem Demouche, già in corso di realizzazione ad opera della stessa Astaldi. L’avvio dei lavori è previsto per novembre 2007, con una durata complessiva pari a 46 mesi.
Con oltre ottant’anni di esperienza, Astaldi è la seconda società di costruzioni italiana per dimensione e general contractor leader in Italia. L’acquisizione di altre aziende dotate di elevate professionalità e di un portafoglio ordini significativo, l’imponente know-how tecnico, finanziario, legale, amministrativo, di gestione del personale e commerciale, assicurano un futuro livello di produzione sostenuto e un ottimale sfruttamento delle risorse.