Bufera Tesco: profit warning e cambio ai vertici

21 Luglio 2014, di Redazione Wall Street Italia

LONDRA (WSI) – Tesco, la più grande catena di supermercati della Gran Bretagna, ha annunciato che il proprio amministratore delegato, Philip Clarke, lascerà la società dopo il caso di profit warning.

Nel dettaglio significa che la società ha lanciato un allarme sugli utili, ovvero la paura di registrare profitti inferiori a quanto preventivato in precedenza.

Clarke, che ha affrontato crescenti critiche per la recente sotto performance di Tesco, si dimetterà il primo di ottobre. A sostituirlo, riporta il Guardian, sarà Dave Lewis, presidente della Unilever, famosa per aver lanciato marchi come Dove.

Dalla Tesco hanno ammesso: “Le condizioni attuali di mercato sono più impegnative di quanto ci aspettassimo. Il mercato globale è più debole e, in combinazione con i crescenti investimenti che stiamo facendo per migliorare l’offerta dei clienti e per fidelizzare a lungo termine, questo significa che le vendite e i profitti di trading nel primo semestre dell’anno, sono un po’ sotto le aspettative”.

Clarke è, ovviamente, stato messo sotto pressione e il mese scorso l’azienda ha registrato le sue peggiori vendite in decenni.

Le sue ultime dichiarazioni lo vedevano deluso, ma convinto della propria scelta: “Dopo aver preso il business e affrontato grandi sfide negli ultimi anni, penso che questo sia il momento giusto per cedere la responsabilità e sono lieto che Dave Lewis ha accettato di unirsi a noi”.

“Dave ha lavorato con Tesco, direttamente o indirettamente, nel corso di molti anni ed è ben noto all’interno del business. Farò tutto quanto in mio potere per sostenerlo attraverso le prossime tappe del suo viaggio”.

I titoli del gruppo britannico guadagnano il 2% a Londra stamattina.