BTP IN ROSSO. ARRIVA IL BOND DELLA LODI

6 Aprile 2005, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime esclusivamente il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – Si interrompe la striscia positiva del reddito fisso europeo, che ieri ha subìto una piccola battuta d’arresto. Il Btp decennale è scivolato a quota 104,45, in ribasso di 13 centesimi, per un rendimento del 3,73%, mentre il trentennale ha perso 28 centesimi, a 111,99, per un tasso del 4,32 per cento.

Gli operatori del mercato secondario restano in attesa dei prossimi segnali della Banca centrale europea, ma soprattutto della Federal Reserve. Alla prossima riunione del Fomc Alan Greenspan potrebbe infatti decidere un rialzo di addirittura 50 punti base del costo del denaro statunitense.

Nel frattempo sul primario l’attività è rimasta piuttosto fiacca. Tra le poche operazioni degne di nota spiccano l’Abs olandese Saecure 5 da 1,2 miliardi di euro (cinque tranche, tutte con scadenza agosto 2012 e sottostante costituito da mutui immobiliari) e il jumbo-bond senior da 2,25 miliardi di euro emesso dalla banca spagnola Bbva (scadenza aprile 2008, euribor trimestrale maggiorato di 5 punti base e prezzo di lancio a 100,034 centesimi).

Invece, per il nuovo prestito (di ammontare benchmark) della Banca popolare di Lodi, che ha dato mandato a Bbva e Deutsche Bank, sono circolate le prime indiscrezioni sul rendimento, che dovrebbe offrire un premio di 27 punti base area sopra l’Euribor trimestrale. Il bond, che avrà durata triennale e riconoscerà una cedola indicizzata, sarà collocato nei prossimi giorni, alla luce delle condizioni di mercato. Infine, Fitch ha assegnato il rating AAA alle prime due tranche dell’obbligazione Scip2 in emissione, rispettivamente da 1 e 3,1 miliardi e merito di credito AA alla terza tranche da 500 milioni.

Copyright © Finanza & Mercati per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved