BROKER, NUOVI RECORD
PER LE BIG FIVE

19 Settembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
Il sole estivo ha rimesso le ali alle big five, le cinque maggiori banche d’affari di Wall Street. Goldman Sachs, Lehman Brothers e Bear Stearns hanno chiuso il terzo trimestre fiscale (terminato il 31 agosto) con un balzo dei profitti. L’utile di Goldman è stato di 1,6 miliardi di dollari, quello di Lehman di 916 milioni e quello di Bear, cresciuto addirittura del 16%, di 438 milioni. E anche Morgan Stanley e Merrill Lynch, che daranno i conti nel corso della settimana, faranno il pieno di utili.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Meno di un mese fa gli analisti avevano corretto al ribasso le stime per il settore, che scontava un calo generalizzato dei proventi dell’intermediazione sui bond e minori introiti derivanti dall’M&A. Ma si sono dovuti ricredere dopo la pubblicazione delle trimestrali e adesso, per il 2007, si prevede che i profitti totali dei cinque broker toccheranno la cifra record di 28 miliardi di dollari.

Il settore finanziario è stato tra i primi a riprendersi dalla lunga correzione delle Borse, avvenuta tra maggio e giugno. Se l’intermediazione sui bond è scesa, infatti, non si è fermata l’attività di brokeraggio su azioni e derivati, effettuata prevalentemente per conto degli hedge fund, che per Bear ha raggiunto un livello record. Non per niente, a partire dal 30 giugno, uno dei migliori indici mondiali è stato l’Amex Broker/Dealer (più 5,3%), che comprende i dodici più grandi istituti di brokeraggio di Wall Street.

Ma il rialzo dei profitti, ha segnalato Guy Moszkowski, analista di Merrill Lynch, è dovuto anche a una diversa strategia geografica del business. Se l’M&A negli Stati Uniti ha portato meno introiti, sono aumentati gli affari nel resto del mondo. I ricavi fuori dagli Usa di Lehman, per esempio, sono cresciuti del 24% nel trimestre mentre quelli di Goldman, ormai, per almeno il 42% poggiano sulle operazioni realizzate in Europa, Asia e America Latina.

Copyright © Bloomberg – Finanza&Mercati per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved