Società

BOSSI (IFIS): DATI 1° TRIM E OBIETTIVI FUTURI

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

L’Istituto di Finanziamento e Sconto ha deciso di cambiare pelle.

Stamane l’assemblea dei soci ha approvato la conversione delle azioni privilegiate, quotate al mercato ristretto, in azioni ordinarie. L’operazione è condizionata alla quotazione delle ordinarie e avverrà nel rapporto di un’azione ordinaria ogni azione privilegiata, in forma gratuita e obbligatoria.

La Ifis è attiva nel factoring, ossia l’outsourcing della riscossione dei crediti. In altre parole, le società cedono i loro crediti alla Ifis, che anticipa l’importo, e poi la stessa si preoccupa di riscuotere le somme dovute.

“Ci vorranno ancora un paio di mesi (per la conversione) – ha commentato a Wall Street Italia, Giovanni Bossi, amministratore delegato dell’Istituto –, ma sono tempi tecnici”.

La società, che per legge non è tenuta a presentare i dati trimestrali, ha comunque fornito a Wall Street Italia alcuni elementi per definire l’andamento della società nella prima parte dell’anno.

“Gli indicatori sono positivi – aggiunge l’amministratore – con il primo trimestre che ha visto raddoppiato il turnover, cioè i volumi di credito comperati, rispetto al primo trimestre del 2000. L’incremento degli impieghi, quanto cioè l’Ifis anticipa al cliente che cede il credito, è stato del 61%; il margine finanziario, che comprende le commissioni attive/passive, gli interessi attivi/passivi, è cresciuto del 32%. Nel 2000 però c’erano state delle componenti straordinarie”.

“Ci aspettiamo un’ulteriore crescita degli impieghi e dei volumi dei crediti negoziati – dice Bossi – anche perché abbiamo messo in cantiere nuove azioni commerciali e aperto una nuova filiale a Firenze”.

La società di factoring, controllata da controllata da Clara Agnelli e da suo figlio, Sebastiano Fustemberg, è in attesa nei prossimi mesi, probabilmente entro l’estate, della risposta di Bankitalia per la trasformazione in istituto di credito.

“Con la trasformazione in una banca contiamo di migliorare il servizio alla clientela e di potenziare la raccolta, con crescite rilevanti sia in Italia che nei Paesi dell’Est” aggiunge l’amministratore.

A Piazza Affari oggi il titolo ha volumi superiori alla media (41.000 le azioni scambiate sino a questo momento) ed è in rialzo dell’1,57% a €6,45.

“Il mercato sta apprezzando la crescita che la società sta portando avanti” ha commentato Giovanni Bossi.

SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:
Piazza Affari: Ifis si converte alle ordinarie