BORSE USA: SEDUTA IN NETTO CALO PER IL NASDAQ

26 Agosto 2003, di Redazione Wall Street Italia

Giornata negativa per l’azionario a stelle e strisce, nonostante i segnali di ripresa che continuano ad arrivare dal fronte macroeconomico.

Secondo gli analisti, gli operatori stanno optando per una pausa di riflessione dopo il rally che la settimana scorsa ha portato Dow Jones e Nasdaq a far registrare i nuovi massimi dell’anno.

I trader si interrogano inoltre sulle valutazioni dei titoli, dopo i forti rialzi messi a segno nel comparto ciclico.

I volumi rimangono bassi, anche in previsione del lungo weekend del Labor Day, la festa del lavoro USA.

A livello settoriale, le vendite piu’ pesanti riguardano semiconduttori (SOX), software (GSO), hardware (GHA), retail (DJ_RTS), biotech (BTK) e petroliferi (OIX).

Sul fronte macro, a luglio gli ordini di beni durevoli hanno registrato una crescita dell’1% (+1,7% escluso il settore trasporti), in linea con le stime di mercato. Si tratta del terzo rialzo consecutivo, un evento che non si verificava da oltre un anno.

Buone notizie sono arrivate anche dal Conference Board, con la fiducia dei consumatori che ad agosto si e’ attestata a 81,3 punti, contro i 79,6 attesi, e da Bank of Tokyo-Mitsubishi/UBS, con le vendite al dettaglio settimanali in crescita dello 0,2%.

Il mercato immobiliare, dal canto suo, resiste meglio del previsto al rialzo dei tassi sui mutui. A luglio la vendita di nuove case e’ scesa del 2,9%, a 1,165 milioni di unita’, contro gli 1,15 milioni stimati. Si tratta del secondo livello piu’ alto di sempre.

Per domani non sono in calendario dati macroeconomici di rilievo. Giovedi’ saranno comunicati i sussidi di disoccupazione settimanali e i numeri sul Pil del secondo trimestre, mentre venerdi’ sara’ la volta di fiducia Michigan e Chicago PMI.

Sul fronte societario, da segnalare l’ottima trimestrale del costruttore di abitazioni di lusso Toll Brothers (TOL – Nyse).