BORSE UE: TRE ITALIANI NELLA TOP TEN DEI TITOLI

29 Giugno 2001, di Redazione Wall Street Italia

Tra le dieci azioni che hanno reso di più agli azionisti negli ultimi dieci anni in Europa ci sono tre titoli italiani.

Il titolo che ha reso di più in questi ultimi cinque anni, dalla fine di marzo 1996 alla fine di marzo del 2001 è Nokia, il colosso finlandese della telefonia mobile, che ha moltiplicato il valore delle azioni per 1.660%.

Al secondo posto c’è il gruppo editoriale italiano Espresso, con un rendimento del 1.238%.

Per la Nokia il discorso è semplice: questa società, nel giro di dieci anni, ha superato il principale contendente Motorola. Nell’ultimo trimestre dello scorso anno, ad esempio, la quota di Nokia nel mnercato della telefonia era pari al 35%, tre volte quanto il secondo classificato, Motorola.

Tra le cause del successo c’è sicuramente un management forte, che ha avuto una visione stategica del mercato dei telefonini e che ha puntato più ai bisogni del consumatore rispetto alla concorrente europea Ericsson.

Diverso il discorso per Gruppo Editoriale L’Espresso, i cui meriti sono legati allo sviluppo di internet nel nostro paese.

L’Espresso è stato infatti una delle prime società editoriali a puntare decisamente verso la rete, realizzando uno dei primi portali per contenuti come Kataweb, senza distogliere l’attenzione dall’attività nei media tradizionali come quotidiani (la Repubblica), settimanali (L’Espresso) e radio (Radio Capital).

Al terzo posto un altro titolo italiano,Unicredito Italiano, frutto della fusione tra Credito Italiano e Unicredito. Il successo, secondo gli analisti, è dovuto in larga parte all’azione dell’amministratore delegato, Alessandro Profumo.

Al quarto posto troviamo la terza società italiana: si tratta di Telecom Italia, che ha prodotto dei guadagni pari al 563%, una performance di tutto rispetto, se si considera che il settore delle telecomunicazioni in Europa ha prodotto un ritorno complessivo del 256%.