BORSE UE RIALZANO LA TESTA GRAZIE A IFO

22 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

Il Vecchio Continente riprende a respirare grazie all’iniezione di fiducia data dall’economia tedesca, al buon andamento dei future sul Nasdaq (che si prevede in ripresa dopo il brusco calo di martedì) e alla decisione della FED di tagliare i tassi d’interesse USA. Una decisione, questa, che potrebbe spingere la BCE nella stessa direzione.

SULLA DECISIONE DELLA FED VEDI ANCHE:


Tassi Usa: La FED taglia FED funds dello 0,25%


SULL’ANDAMENTO DEL PREBORSA USA VEDI:


Wall Street: i titoli attivi nel preborsa

L’IFO, l’indice che indica la fiducia delle imprese tedesche, è salito a sopresa a luglio fino a 89,8, +0,3 in più rispetto all’89,5 di giugno. Questo è un segnale che ridà fiducia all’economia tedesca, la più importante di Eurolandia, sulla quale grava ancora il sospetto di una produzione industriale a fine anno inferiore alle aspettative.

SULL’INDICE IFO VEDI ANCHE:


Piazza Affari torna positiva dopo indice IFO

L’indice Eurostoxx segnala andamento contrastato per i TMT: tecnologici e telefonici sono in denaro rispettivamente dell’1,04% e dell’1,19%), mentre i media sono in lettera (-0,86%).

Francoforte a metà giornata è la migliore delle Borse europee. L’indice DAX segna un rialzo dell’1,42% a 5.290 punto dopo aver toccato un massimo intraday a 5.300 punti.
In rialzo ci sono i titoli automobilistici come BMW (+3,11%), DaimlerChrysler (+2,67%) e Volskwagen (+2,25%).

Bene Deutsche Telekom (+0,99%), Infineon (+3,72%) e Siemens (+1,94%).

In controtendenza Man (-5,5%) dopo l’allarme utili lanciato dalla società tedesca.

Sotto pressione ancora Bayer (-0,82%), dopo che il quotidiano Bild ha detto che per la prima volta in Germania la società dovrà rispondere a capi d’accusa formali rivolti al gruppo per la vicenda legata al farmaco anti-colesterolo Lipobay.

A Parigi (+0,55%) i TMT hanno andamenti misti. Bene Orange (+1,09%) e France Telecom (+0,78%) dopo le perdite di martedì, invariata Alcatel, in rosso STMicroelectronics (-1,09%) e Cap Gemini (-0,65%).

Londra (+0,43%) è in scia con le altre borse europee. Il listino segnala spunti interessanti di Vodafone (+1,88%) con oltre 170 milioni di azioni scambiate, mentre British Telecom guadagna lo 0,5%.
In calo, invece, Arm (-1,46%) e Spirent (-1,26%).
Per i petroliferi bene BP, che guadagna l’1,9% a 605 pence.