BORSE UE: PARIGI E FRANCOFORTE POCO MOSSE

27 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

Seduta incolore per il Vecchio Continente dove ha pesato la chiusura di Londra per festività. La giornata è rimasta ingessata anche dopo l’avvio debole dei mercati USA e per l’attesa riunione della BCE in programma per fine mese.

Gli acquisti che in mattinata hanno premiato tecnologici e telefonici sono rientrati dopo la partenza in rosso del Nasdaq come testimoniano gli EuroStoxx settoriali: Tech -0,5%, telefonici -0,1% e media +0,3%. Gli energetici hanno limato i guadagni sul finale: EuroStoxx +0,05%.

Francoforte, le cui contrattazioni terminano alle 20:00, guadagna lo 0,08% grazie a Deutsche Telekom (+0,5%) che prosegue la buona performance di venerdi’ dopo che la societa’ ha reso noto che la vendita da parte di Sonera di una quota delle azioni del gruppo tedesco ha avuto un impatto molto ridotto sul prezzo del titolo. (Vedi anche Deutsche Telekom tiene malgrado Sonera e anche Ratings UE: Upgradings e downgradings)

In crescita anche Infineon (+0,8%) vicino ad un accordo con la giapponese Toshiba. Tra i tecnologici sale anche Siemens (+0,5%) mentre nella Old economy spicca Deutsche Bank (+1,3%).

A Parigi il CAC40 ha chiuso in calo dello 0,22%. Vivendi Universal ha perso lo 0,4%, in vista dell’atteso discorso del suo presidente, Jean-Marie Messier, che presentera’ il nuovo servizio musicale realizzato dal gruppo per i clienti della sua rete di telefonia mobile.

Thomson Multimedia è salita dell’1,1%. Il gruppo, secondo quanto dichiarato dal vicepresidente della societa’, Pierre Mureau si aspetta di portare la sua quota di mercato in Europa dall’attuale 6,9% al 10% nei prossimi 2 anni. (Vedi anche High-Tech: thomson vede grigio per due anni)

In rosso si sono fermate France Telecom (-1,8%), Cap Gemini (-1,1%) mentre StMIcroelectronics (+0,5%) ha mantenuto i guadagni iniziali.