BORSE UE: IN ROSSO A META’ GIORNATA, MALE TMT

20 Luglio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Le Borse Europee viaggiano deboli a metà giornata. Il calo è legato principalmente alle previsioni negative legate ai titoli tecnologici.

Dopo la giornata di ieri le borse del Vecchio Continente sembravano uscite dalla crisi, ma sono bastate le notizie provenienti dal colosso americano Microsoft (MSFT – Nasdaq) a deprimere le aspettative per il medio periodo.

SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:


Utili: Microsoft 1 centesimo per azione).

Gli indici Eurostoxx segnalano perdite diffuse in tutti i settori. Vendite sui TMT, con i titoli telefonici che perdono il 2,03%, i tecnologici il 4,45% , i media il 2,98%. Positivo l’indice del comparto auto (+0,28%) male i bancari (-1,68%).

La Borsa peggiore è Francoforte, con il Dax in calo dell’-1,7%.

Il ribasso è dovuto in larga parte a un calo dei titoli bancari, con Commerzbank a -1,43%, Dresdner Bank a -4,07% e Deutsche Bank a -2,45%.

L’unico titolo positivo a metà giornata è DaimlerChrysler (+1,51%).

Sostanzialmente stabile Lufthansa
(+0,05%).

A Parigi il Cac40 perde l’1,59%.

La Borsa francese risente della crisi high tech: tra i peggiori titoli ci sono infatti Alcatel (-7,06%), Orange (-2,98%), e STMicroelectronics (-3,79%). Il titolo peggiore del listino è Cap Gemini(-7,48%) che sconta alcune voci di un prossimo profit warning.

Anche Londra a metà giornata è apppesantita dai titoli TMT.

Il FTSE segna un ribasso dell’1,3%.

Male British Telecom (-4,7%), Cable&Wireless (-2,82%), Colt Telecom (-3,01%) e Marconi (-5,64%).

In recupero rispetto a ieri Mysis che guadagna il 3,9%.

Vendite anche per Vodafone (-5,07%), il peggiore del listino è Spirent (-6,81%).