BORSE UE: CHIUSURE TUTTE IN ROSSO

17 Agosto 2000, di Redazione Wall Street Italia

Le principali Piazze europee si fermano lontane dai minimi toccati nella seduta, ma non riescono a completare il recupero impostato sul finale. A inchiodare i listini e’ stata l’asta tedesca per le licenze UMTS conclusasi a 50,5 miliardi di euro. I timori per i costi al di la’ delle previsioni hanno portato in rosso tutti i titoli delle tlc.

A Londra, che ha chiuso a -0,21%, British Telcom ha perso l’1,34, Vodafone il 4,09%, Colt Telecom il 5,17% e Cable & Wireless chiude a -1,31%.

A Parigi il Cac ha perso lo 0,73% a 6.635 punti. Pesante France Telecom a -3,13%, mentre il telefonico Bouygues chiude a +1,36%. In nero Alcatel (+1,36%) e Stmicroelectronics a +1,67%.

Francforte si ferma in ribasso dello 0,71% a 7.262 punti. Deutsche Telekom si ferma in rialzo dell’1,99% dopo la conquista di una delle sei licenze per l’UMTS. Denaro per Epcos, mentre Deutsche Bank cede il 2,92%.

Tra le altre Borse europee, l’unica positiva e’ Amsterdam a +0,31%. In rosso dello 0,69% Zurigo e dello 0,65% Madrid.