BORSE UE: CHIUSURE POSITIVE MA SOTTO I MASSIMI

8 Dicembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Finale di seduta in ritirata per le Piazze europee, che ridimensionano i guadagni della seduta mantenendo comunque un tono di fondo rialzista. Il denaro ha interessato soprattutto i settori chimici, automobilistici e tecnologici (questi ultimi favoriti dal rimbalzo del Nasdaq). Ancora vendite sui petroliferi.

Francoforte, le cui contrattazioni terminano alle 20:00 ora italiana, prosegue con un rialzo dell’1,61%. Ottima crescita per Bayer (+3,44%) dopo il rinnovarsi delle voci di mercato che la danno nel mirino della concorrente svizzera Roche. Entrambi i gruppi hanno smentito qualsiasi operazione.

Sulla Piazza tedesca stanno rimbalzando anche i titoli tecnologici come testimonia il +6,39% di Epcos e il +3,43% di Infineon.

Londra ha guadagnato lo 0,91% grazie al recupero dei telefonici: British Telecom (+5,66%) e Colt (+9,41%). In rosso il petrolifero Shell (-0,56%).

Parigi si e’ fermata, invece, in campo negativo con il Cac a -0,72%. Buona la prestazione France Telecom (+1,92%), di Stmicroelectronics (+2,06%) e di Alcatel (+1,73%). Pesante TotalFina a -2,93%.

Tra le altre Borse europee, Amsterdam +0,14%, Madrid +0,38% e Zurigo -0,25%.