BORSE UE: CHIUSURE NEGATIVE MA SENZA CROLLO

14 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

Le borse europee hanno chiuso la seduta in calo, ma molto lontano dai pesanti minimi toccati nel pomeriggio, quando lo sforamento del Dow Jones sotto i 10.000 punti ha gettato i mercati nel panico. (Vedi anche Piazza Affari chiude in rosso, ma senza panico)

Il successivo recupero ha pero’ poermesso ai mercati di recuperare gran parte del passivo che a momenti è stato del 4% come per Francoforte e Parigi. Proprio quest’ultima alla fine è stata la migliore con il Cac a -1,38%. Sul finale è resuscitata Alcatel che dal -4% di metà seduta ha chiuso a +0,58%. Stessa storia per STMicroelectronics (+3,28%). In rosso invece Bnp Paribas a -2,64%, Axa a -3,19%, France Telecom a -2,59%.

In ribasso anche Francoforte, le cui contrattazioni terminano alle 20:00, che procede con il Dax in calo del -2,72%. Non ha tenuto Deutsche Telekom che perde l’1,5%. Segni negativi anche per Allianz -1,39%, BMW -5,8%, Epcos -3,51%. In positivo, invece Infineon (+2,69%) e Sap (+2,97%).

Sul mercato di Londra il Footsie ha ceduto l’1,66%. Forti ribassi per i telefonici come C&W a -12,84%, Colt a -9,74%, British Telecom -3,46%, mentre Vodafone a recuperato sul finale fermandosi a +1%. Tra i tecnologici sono caduti Autonomy (-3%) e Arm (-3,07%).