BORSE UE: CHIUSURE IN ROSSO, MA LONTANO DAI MINIMI

21 Febbraio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Giornata di forti vendite sui listini del Vecchio Continente che scontano, come i listini italiani, il ribasso del Nasdaq e soprattutto il dato sull’inflazione USA, ben piu’ alto rispetto alle attese.

Sotto pressione i TMT, con telefonici e tecnologici che hanno registrato forti cali soprattutto in Francia e Germania.

A Francoforte dove le contrattazioni terminano alle 20:00, il Dax segna un ribasso dell’1,30%. Perdono terreno Deutsche Telekom (-5,51%) dopo la riduzione delle stime degli utili di oltre il 20%, Infineon (-3,78%) e Siemens (-2,77%).

A Londra lo Ftse si e’ fermato a -0,12%). Tra i piu’ pesanti Logica (-8,97%), ma hanno viaggiato in rosso anche Colt (-3,92%), Vodafone (-3,29%). Sul finale ha invece virato British Telecom (+1,88%).

A Parigi il Cac ha perso l’1,34% affossato dalle vendite su Alcatel (-4,22%), Tf1 (-4,30%), STM (-3,76%) e France Telecom (-3,34%).

Tra le altre Borse europee, hanno chiuso in rosso anche Amsterdam (-1,27%) e Madrid (-0,91%)

Per altre notizie europee, visitate il sito www.wallstreeteurope.com