BORSE UE: CHIUSURE IN ROSSO DOPO GREENSPAN

28 Febbraio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Le principali Piazze europee hanno chiuso in ribasso annullando quanto di buono fatto durante la seduta. I listini hanno ceduto terreno nel finale dietro a Wall Street, che ha accolto con nervosismo le parole di Alan Greenspan. Il numero uno della Fed ritiene infatti che il rallentamento Usa non sia ancora terminato, ma non ha accennato a nessun taglio immediato dei tassi.

La Borsa peggiore e’ stata quella di Parigi (-1,29%) che ha visto il pesante ribasso di Alcatel -4,61%, France Telecom a -6,57% e STMicroelectronics a -8,35%.

In rosso Francoforte (Dax a -0,15% quando mancano due ore alla chiusura delle contrattazioni) che sconta il calo di Deutsche Telekom (-2,77%), Epcos a -3,31%, Siemens a -1,41%. In rialzo SAP (+0,87%), colosso tedesco del software, dopo l’annuncio della conversione di tutte le diverse categorie di titoli su base uno a uno.

A Londra il Footsie ha chiuso in area negativa a -0,39%, subendo le turbolenze sulla triade dei TMT. British Telecom è arretrato del 4,76%, Colt -7,24%, Exel -1,53% e Vodafone -2,34%.

Tra le altre borse europee, Madrid ha guadagnato lo 0,38% e Zurigo a +0,31%.

(Altre notizie e quotazioni in tempo reale su www.wallstreeteurope.com)