BORSE UE: APERTURA DEBOLE CON BASSI VOLUMI

9 Maggio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Le borse europee hanno aperto in negativo, influenzate dalla chiusura contrastata di ieri a Wall Street, mentre stanno metabolizzando i risultati di Cisco Systems (CSCO – Nasdaq), che ha chiuso il primo trimestre dell’anno, il suo terzo fiscale,
con una perdita di $2,69 miliardi pari a $0,37 per azione. E’ il primo rosso della sua storia.

Ne risente, a Francoforte (-0,53%) soprattutto il titolo Infineon che lascia in apertura oltre il 2%. A Parigi (-0,79%) va giù Alcatel, che perde circa il 3%.

Londra arretra dello 0,64%. Madrid dello 0,76%.

In generale i volumi sono piuttosto bassi. Il mercato tra l’altro attende domani quando si riunirà la Banca Centrale Europea dalla quale si attende una decisione sui tassi di interesse della zona euro.

Ma secondo uno studio di Merril Lynch l’accelerazione della massa monetaria M3 a marzo, il peggioramento dell’indice di fiducia delle
imprese in Eurolandia e le recenti dichiarazioni degli esponenti della stessa Banca Centrale allontanano le prospettive di un taglio fino al 7 luglio prossimo.