Borse temono fine bazooka monetari

30 Giugno 2017, di Daniele Chicca

Borse asiatiche ed europee in difficoltà in un contesto di incremento della volatilità e nonostante i dati macro positivi pubblicati in Cina. Il settore manifatturiero della seconda economia al mondo ha registrato un’espansione, con l’indice generale salito al massimo degli ultimi tre mesi. Bene hanno fatto produzione e nuovi ordinativi. In crescita anche il comparto servizi. La Borsa di Tokyo ha perso quasi l’1% con il settore tech che ha mostrato la performance peggiore di tutti dopo la vendita generalizzata dei titoli del comparto ieri sera al Nasdaq-100. La settimana si chiude così con una perdita di circa mezzo punto percentuale. Giugno registra invece un progresso intorno all’1,9%.

Continua intanto sul Forex il calo del dollaro Usa, penalizzato dalla virata delle banche centrali di Inghilterra ed Eurozona verso una politica monetaria più rigida. James Bullard della Federal Reserve di St. Louis ha detto di opporsi a un altro rialzo tassi nel 2017, ma le indicazioni che arrivano da Bce e Bank of England sono invece penalizzanti per gli asset finanziari più rischiosi come i titoli azionari. Gli investitori sono intimoriti dai segnali provenienti dalle banche centrali, che indicano la fine prossima dei programmi di quantitative easing. In Eurozona, Regno Unito e Giappone i tassi sono fermi allo zero, 0,25% e -0,10%, rispettivamente. Anche questo è destinato a cambiare con la prima ad agire che dovrebbe essere la banca guidata da Mark Carney.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 30 Giugno 20179:51

Profit warning di Bayer, che avverte come la divisione di insetticidi ed erbicidi dovrà rivedere le sue previsioni aziendali per l’anno fiscale e come questo avrà un impatto negativo di 300-400 milioni di euro sui profitti dell’intero esercizio 2017.

Bayer ha fatto sapere che le scorte sono eccessivamente e sorprendentemente alte in Brasile. Le previsioni sul fatturato e gli utili del gruppo andranno quindi ritoccate al ribasso. I titoli cedono quasi il -4% in Borsa quest’oggi. La prova del settore chimico (-0,99%) è la peggiore in Europa al momento.

Daniele Chicca 30 Giugno 20179:54

A Piazza Affari, positiva, si mette in luce Unipol. Occhi puntati anche sul designer di telai automobilistici di lusso Pininfarina: oggi si conclude l’aumento di capitale. Eni in rosso, paga declassamento di Kepler.

Sull’obbligazionario, spread tra Btp e Bund decennali stabile aspettando la nuova asta di Btp, tra cui 3,5-4 miliardi del nuovo titolo a 10 anni.

Daniele Chicca 30 Giugno 20179:55

A Piazza Affari, positiva, si mette in luce Unipol. Occhi puntati anche sul designer di telai automobilistici di lusso Pininfarina: oggi si conclude l’aumento di capitale. Eni in rosso, paga declassamento di Kepler.

Sull’obbligazionario, spread tra Btp e Bund stabile aspettando la nuova asta di Btp, tra cui 3,5-4 miliardi del nuovo titolo a 10 anni.

Daniele Chicca 30 Giugno 20179:59

Le Borse europee stanno contrastate in attesa dei nuovi dati sull’inflazione. L’azionario si appresta ad archiviare il primo semestre dell’anno con una nota incolore. Il CEO di Morgan Stanley ha detto alla CNBC che le vendite viste ieri in Usa e oggi in Asia potrebbero continuare anche a inizio secondo semestre.

Daniele Chicca 30 Giugno 201710:34

Petrolio in rialzo sui mercati energetici.

Daniele Chicca 30 Giugno 201711:29

L’inflazione annuale dell’area euro dovrebbe essere calata nel mese di giugno che si conclude oggi. Sono le stime pubblicate da Eurostat a dirlo, secondo le quali la componente energetica registrerà il tasso annuale più alto. Le previsioni parlano di un’indice dei prezzi al consumo dell’1,3% in giugno, in calo dall’1,4% di maggio.

Guardando alle principali componenti dell’inflazione dell’area euro, fa sapere Eurostat, l’energia registrerà un tasso annuale dell’1,9%, il più alto tra tutte le categorie ma in calo rispetto al 4,5% di maggio. A seguire troviamo i servizi (1,6% contro l’1,3% di maggio) e il trittico cibo, alcool e tabacco (1,4% contro l’1,5% di maggio).

Daniele Chicca 30 Giugno 201711:59

Sul valutario l’euro arretra leggermente ma resta sopra quota 1,14 dollari. Stabile lo spread tra Btp e Bund decennali, ma i rendimenti sovrani sono in rialzo, con gli investitori che guardano alle prossime strette monetarie delle banche centrali in arrivo.

Daniele Chicca 30 Giugno 201714:33

Questa la situazione all’inizio della seconda metà dell’ultima seduta del semestre:
FTSE 100: +0,3% a 7.374
DAX: +0,3% a 12.448
CAC: +0,7% a 5.188
FTSE MIB: +0,4% a 20.786
IBEX: +0,4% a 10.575
EuroStoxx 600: +0,5% a 383

Sul Forex la sterlina è scesa sotto quota 1,30 dollari dopo i dati deboli sul Pil, mentre rispetto all’euro ha visto un rialzo dello 0,3% assottigliarsi al +0,2%. Questo, unito alla riduzione allo 0,7% delle perdite dei colossi inglesi del petrolio BP e Shell ha permesso alla Borsa di Londra di risalire la china sopra la parità.

Connor Campbell, analista di Spreadex, sottolinea che lo stesso discorso può essere fatto anche per le piazze azioniarie di Germania e Francia, in progresso dello 0,3% e dello 0,7% rispettivamente. Come la sterlina anche l’euro ha perso slancio e ora cede lo 0,2% su dollaro Usa e valuta britannica.

Daniele Chicca 30 Giugno 201714:34

In Usa si profila un avvio di seduta positiva per la Borsa.

Daniele Chicca 30 Giugno 201715:47

Apertura in rialzo per Wall Street nell’ultima seduta del primo semestre dell’anno. Tutti gli undici settori dell’S&P 500 scambiano in progresso. Tra i singoli si mettono in luce gruppi di vendite al dettaglio come Nike – favorito dai conti e dall’accordo di distribuzione con Amazon e Instagram – e Under Armour.

Daniele Chicca 30 Giugno 201715:48

Forte del balzo delle banche il Dow Jones guadagna 100 punti.

Daniele Chicca 30 Giugno 201715:50

Warren Buffett ha guadagnato 12 miliardi in poco tempo grazie a un investimento in Bank of America. La sua holding Berkshire Hathaway ha infatti stabilito che eserciterà i warrant nella banca, il che consentirà di acquisire 700 milioni di titoli a un prezzo di 7,14 dollari l’uno, per un valore complessivo pari a 5 miliardi di dollari.

Al valore della chiusura di ieri, la quota nella banca sarebbe pari a 17 miliardi di dollari, 12 miliardi in più del prezzo versato. Berkshire diventerà anche il primo azionista.