Borse in rosso: dubbi su riforma fiscale Usa, governo May traballa

13 Novembre 2017, di Daniele Chicca

È un momento difficile per i mercati azionari. Le Borse sono negative sostanzialmente in tutto il mondo nella prima seduta della settimana: gli investitori vogliono capire se i Repubblicani saranno effettivamente in grado di elaborare rapidamente l’ambizioso piano di riforma fiscale negli Stati Uniti. Sul mercato valutario la sterlina perde terreno contro le principali monete rivali dopo che 40 membri del partito conservatore in parlamento hanno messo in dubbio la leadership di Theresa May chiedendo le dimissioni della premier.

L‘indice regionale MSCI della Regione Asia-Pacifico, che esclude la Borsa di Tokyo, è in calo mentre l’indice Nikkei giapponese ha chiuso in ribasso del -1,3%. A Wall Street si conclude la striscia positiva di sette sedute dell’indice S&P 500. segnala qualche presa di beneficio dopo che il partito dei Repubblicani al Senato ha presentato una versione della riforma fiscale alternativa a quella dei colleghi di partito della Camera dei Rappresentanti, che alzerebbe le tasse per una parte del ceto medio. Il taglio della corporate tax al 20% dal 35% potrebbe essere poi rimandato al 2019.

Lasciate qui commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli operativi, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti sulle Borse li trovate nel LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 13 Novembre 201710:01

Partenza con il freno a mano tirato per le Borse europee. A Piazza Affari si fa sentire il calo di mezzo punto percentuale circa del settore bancario. In calo anche Telecom Italia e Yoox. I titoli di Ferragamo sono invece stati sospesi per eccesso di rialzo con un progresso teorico superiore al 4%.

Daniele Chicca 13 Novembre 201715:23

Seduta negativa per le Borse europee appesantite dalle incertezze sulla Brexit e dai dubbi sulla riforma fiscale Usa. Gli indici principali scambiano in calo di circa l’1%, con il rafforzamento dell’euro, specie sulla sterlina, che sta avendo un impatto negativo sul valore dei gruppi esportatori. Un eventuale segnale di indebolimento dell’autorità di Theresa May sul governo e il parlamento in un momento delicato delle trattative sulla Brexit, metterebbe in allerta gli investitori, in particolare se si tiene conto che mancano solo due settimane per trovare un accordo sul conto che Londra deve pagare all’Ue per il divorzio.

European stock markets this morning

Daniele Chicca 13 Novembre 201715:27

Seduta negativa per le Borse europee appesantite dalle incertezze sulla Brexit e dai dubbi sulla riforma fiscale Usa. Gli indici principali scambiano in calo di circa l’1%, con il rafforzamento dell’euro, specie sulla sterlina, che sta avendo un impatto negativo sul valore dei gruppi esportatori. Un eventuale segnale di indebolimento dell’autorità di Theresa May sul governo e il parlamento in un momento delicato delle trattative sulla Brexit, metterebbe in allerta gli investitori, in particolare se si tiene conto che mancano solo due settimane per trovare un accordo sul conto che Londra deve pagare all’Ue per il divorzio.

European stock markets this morning

Daniele Chicca 13 Novembre 201717:56

Chiude in territorio negativo il listino italiano Ftse Mib. In fondo al listino Leonardo perde oltre il 4% continuando il trend negativo di venerdì. In calo anche Telecom, Unipolsai e Yoox. In rialzo invece Ferrari che guadagna oltre l’1%. Bene anche Mediaset, Moncler e Bper Banca.

Daniele Chicca 13 Novembre 201717:56

Hanno chiuso in calo anche le principali borse europee. L’indice EuroStoxx 50 perde lo 0,43%. In fondo al listino CRH perde oltre l’1%. Negative anche Eon e Sanofi. In rialzo Adidas guadagna oltre l’1%. Bene anche Deutsche Post, Essilor e Danone.