Borse in rialzo, attività fabbriche torna a crescere in Cina ed Europa

3 Luglio 2017, di Daniele Chicca

Il semestre inizia con il piede giusto per l’azionario europeo, trainato dai settori petrolifero e del gas. Corea del Sud, Cina, Svezia e Norvegia: sono tutti paesi che hanno visto un ritorno della crescita il mese scorso – in alcuni casi come quello della Cina il dato macro si è rivelato superiore alle previsioni. La notizia sulla Cina ha spinto in rialzo i prezzi di metalli come rame e alluminio, che hanno un gran mercato in Cina. Anche in Eurozona il PMI manifatturiero ha fatto meglio delle previsioni. India, Giappone, Taiwan e Vietnam hanno registrato un’espansione dell’attività.

Questi dati positivi aiutano le Borse europee in avvio di seduta. La Borsa in Cina è invece relativamente fredda, mentre la Borsa del Giappone ha chiuso in lieve ribasso malgrado l’incremento dell’indice della fiducia delle grandi imprese ai massimi di 3 anni. Un’altra novità importante in Asia riguarda il legame dei titoli obbligazionari di Hong Kong e Cina continentale: è da considerare una svolta storica per gli investitori stranieri cui vengono aperte le porte della Cina. Oggi Wall Street chiude prima del tempo, alle 21 italiane, e domani rimarrà chiusa in vista delle festività dell’indipendente Day.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 3 Luglio 20179:42

Borse europee in rialzo ma senza troppa convinzione nella prima seduta del secondo semestre. Gli indici Pmi in Asia ed Europa sono per ora tutti relativamente positivi. In Spagna l’attività ha rallentato ma comunque mostra un’espansione robusta (54,7 in giugno contro i 55,4 di maggio).

Tra le piazze principali europee, Londra avanza del +0,1%, Francoforte dello 0,6%, così come Milano, Parigi e Madrid.

Daniele Chicca 3 Luglio 201710:57

Prosegue la crescita progressiva del settore manifatturiero dell’Eurozona. Il PMI dell’area si è attestato a 57,4 punti in giugno, contro le previsioni che erano per un risultato leggermente inferiore (57,3). Se da un lato Grecia ha registrato un ritorno all’espansione dell’attività, l’Italia ha visto un punteggio più basso delle stime ma in crescita rispetto a maggio (55,2 da 55, contro il 55,3 stimato).

Forexlive Image View

Daniele Chicca 3 Luglio 201710:59

Sul valutario il dollaro Usa si sta rafforzando contro le divise rivali principali, salendo ai massimi di sei settimane contro lo yen.

Daniele Chicca 3 Luglio 201711:11

La sterlina è penalizzata dagli ultimi dati macro. La crescita del settore manifatturiero nel Regno Unito è stata inferiore alle previsioni il mese scorso. La valuta britannica scambia in area 1,297 dollari al momento scendendo dai massimi di sei settimane raggiunti la settimana precedente.
The pound has dropped back below $1.30

Daniele Chicca 3 Luglio 201711:13

La sterlina è penalizzata dagli ultimi dati macro. La crescita del settore manifatturiero nel Regno Unito è stata inferiore alle previsioni il mese scorso. L’indice PMI dell’industria è sceso a 54,3 punti a giugno, nettamente al di sotto delle stime che erano per una lettura pari a 56,5 punti.

Secondo gli analisti l’incertezza politica ha pesato sull’attività delle fabbriche. La valuta britannica scambia in area 1,297 dollari al momento scendendo dai massimi di sei settimane raggiunti la settimana precedente.
The pound has dropped back below $1.30

Daniele Chicca 3 Luglio 201711:38

La direzione impressa ai mercati (tassi in rialzo e dollaro ancora relativamente debole) dalle recenti dichiarazioni corali dei principali banchieri centrali, continua ad avere la meglio anche dopo dichiarazioni dai toni più morbidi da parte degli stessi, come nel caso di due membri della Bce come Weidmann e Mersch.

La continuazione del rialzo dei tassi continua ad interessare prevalentemente il comparto decennale, sebbene emergano segnali di potenziali eccessi, dicono gli analisti di MPS Capital Services che pongono l’accento sul posizionamento del tasso decennale Usa, circa 10 punti base al di sopra delle aspettative di inflazione.

Daniele Chicca 3 Luglio 201711:40

Sul versante obbligazionario prosegue la pressione al rialzo sui tassi a lungo termine, sebbene emergano segnali di tentativo di stabilizzazione dal fronte spread. I volumi scambiati sui mercati obbligazionari future sono stati ancora elevati, sfiorando il milione di contratti scambiati nel caso del Bund future.

In un intervento tenuto presso la Bundesbank l’esponente della Bce Yves Mersch ha dichiarato che il recupero dell’economia cui ha contribuito il QE, non può ancora considerarsi capace di autosostenersi. Negli Usa è stata rivista al ribasso la stima del PIL della Fed di Atlanta relativa al secondo trimestre (da 2,9% a 2,7%).

Daniele Chicca 3 Luglio 201711:41

Prosegue il momento positivo del petrolio dopo il balzo di oltre il 3% di venerdì, in scia ai segnali di rallentamento dell’attività estrattiva dello shale oil (il numero di trivelle attive ha registrato il primo calo settimanale da inizio anno).

Il periodo di acquisti continua anche stamattina, “incurante delle indiscrezioni sulla produzione libica, che avrebbe superato 1 milione di barili al giorno per la prima volta da 4 anni”, come sottolineano gli analisti di MPS Capital Services. In lieve calo invece i metalli preziosi, con l’oro che cala al minimo da sette settimane.

Daniele Chicca 3 Luglio 201712:01

L’euro debole e i dati positivi sul settore manifatturiero, che ha mostrato una buona crescita, stanno aiutando listini dell’azionario europeo in mattinata:

Daniele Chicca 3 Luglio 201712:03

In un altro segnale positivo proveniente dall’ambito macro economico europeo, la disoccupazione è scesa ai minimi degli ultimi otto anni e quindi ai livelli più bassi da quando è scoppiata l’ultima grande crisi finanziaria. Il tasso di disoccupazione si è attestato al 9,3% a maggio, lo stesso risultato visto in aprile e il più basso da marzo 2009. In Ue il tasso del 7,8%, il minimo da dicembre 2008.

Daniele Chicca 3 Luglio 201712:21

Sul versante obbligazionario prosegue la pressione al rialzo sui tassi a lungo termine, sebbene emergano segnali di tentativo di stabilizzazione dal fronte spread. I volumi scambiati sui mercati obbligazionari future sono stati ancora elevati, sfiorando il milione di contratti scambiati nel caso del Bund future.

In un intervento tenuto presso la Bundesbank l’esponente della Bce Yves Mersch ha dichiarato che il recupero dell’economia cui ha contribuito il QE, non può ancora considerarsi capace di autosostenersi. Negli Usa è stata rivista al ribasso la stima del PIL della Fed di Atlanta relativa al secondo trimestre (da 2,9% a 2,7%).

Daniele Chicca 3 Luglio 201712:21

La direzione impressa ai mercati (tassi in rialzo e dollaro ancora relativamente debole) dalle recenti dichiarazioni corali dei principali banchieri centrali, continua ad avere la meglio anche dopo dichiarazioni dai toni più morbidi da parte degli stessi, come nel caso di due membri della Bce come Weidmann e Mersch.

La continuazione del rialzo dei tassi continua ad interessare prevalentemente il comparto decennale, sebbene emergano segnali di potenziali eccessi, dicono gli analisti di MPS Capital Services che pongono l’accento sul posizionamento del tasso decennale Usa, circa 10 punti base al di sopra delle aspettative di inflazione.

Daniele Chicca 3 Luglio 201712:21

La sterlina è penalizzata dagli ultimi dati macro. La crescita del settore manifatturiero nel Regno Unito è stata inferiore alle previsioni il mese scorso. L’indice PMI dell’industria è sceso a 54,3 punti a giugno, nettamente al di sotto delle stime che erano per una lettura pari a 56,5 punti.

Secondo gli analisti l’incertezza politica ha pesato sull’attività delle fabbriche. La valuta britannica scambia in area 1,297 dollari al momento scendendo dai massimi di sei settimane raggiunti la settimana precedente.
The pound has dropped back below $1.30

Daniele Chicca 3 Luglio 201715:46

Wall Street ha aperto in rialzo questa seduta, con i principali indici sopra la parità. Oggi le borse chiuderanno anticipatamente alle ore 13 (21 italiane) in vista dell’indipendence day di domani, durante il quale Wall Street resterà chiusa. Il Dow guadagna 100 punti forte del balzo delle banche.

Daniele Chicca 3 Luglio 201716:12

L’indice ISM manifatturiero Usa tocca quota 57,8 punti in giugno, sopra le attese degli economisti interpellati da Thomson Reuters che erano in media per un miglioramento modesto a 55,1 punti dopo i 54,9 di maggio. Una lettura superiore ai 50 punti è indice di espansione dell’attività, che conta per circa il 12% del Pil americano.

Le spese per le costruzioni sono rimaste invece invariate negli Stati Uniti due mesi fa, deludendo le aspettative che erano per una crescita dello 0,2% a maggio. In aprile l’attività aveva subito una contrazione dell’1,4%, per il calo più marcato in un anno di tempo.

Daniele Chicca 3 Luglio 201716:17

Claudia Calich, gestore del fondo M&G Emerging Markets Bond, ha così commentato la novità relativa al China Bond Connect annunciata a margine del ventesimo anniversario della riconsegna di Hong Kong alla Cina.

“Il cosiddetto Bond Connect Cina-Hong Kong rappresenta un ulteriore passo in avanti nel cammino intrapreso dalla Cina verso l’apertura del proprio mercato obbligazionario agli investitori esteri. Il Bond Connect avrà alcuni vantaggi operativi rispetto agli investimenti diretti onshore, visto che per gli investitori esteri non sarà necessario avere un depositario locale o essere titolari di un conto, essere soggetti a quote o rivelare in anticipo quanto intendono investire”.

“Considerate le attuali valutazioni, la liquidità e il fatto che si tratta di un mercato nascente, mi aspetto che gli investitori esteri si concentrino inizialmente sui titoli di Stato piuttosto che sulle obbligazioni societarie o le Imprese di Proprietà Statale o State Owned Enterprises. In tal senso, i rating non saranno un fattore determinante per gli investimenti; lo saranno piuttosto le opinioni sulla valuta locale, il Renminbi, sui flussi di capitale in ingresso e in uscita dalla Cina, le politiche monetarie e la possibilità che i titoli governativi denominati in Renminbi vengano inclusi nei principali indici globali”.