Borse in rialzo, volatilità al collasso. Ifo: aziende “euforiche”

25 Luglio 2017, di Daniele Chicca

Le Borse europee e la piazza di Milano guadagnano terreno, quest’ultima spinta da bancari, Saipem e Luxottica. Il gruppo degli occhiali ha pubblicato ieri i conti fiscali, che secondo Banca Akros sono sostanzialmente in linea con le attese. Saipem ha archiviato il semestre con un rosso di 110 milioni di euro, di cui -157 milioni nel secondo trimestre, a causa di alcune svalutazioni e oneri da riorganizzazione. Le stime di ricavi 2017 sono state riviste da circa 10 miliardi a 9,5 miliardi, mentre resta invariata la guidance di Ebitda per circa un miliardo.

Positive anche STM e Leonardo. Da parte sua Telecom Italia, che ieri ha guadagnato il 3,8%, oggi rallenta con l’arrivo dell’ufficializzazione dell’uscita dell’AD Flavio Cattaneo, che riceverà circa 25 milioni di euro dopo 16 mesi in sella al gruppo. Intanto le Borse – aiutate oggi dal balzo record dell’indice Ifo tedesco – continuano a essere molto compiacenti, con la volatilità che a Wall Street  continua a scambiare ai minimi da dicembre 1993 testati tre giorni fa. Sul Forex si rafforza l’euro.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 25 Luglio 201711:04

I dati sull’industria italiana e sull’indice Ifo hanno ridato morale ai rialzisti. L’ifa, indicatore del morale delle aziende tedesche, è salito a 116 punti facendo meglio delle previsioni. In seguito alla pubblicazione dei dati l’euro si è rafforzato ulteriormente, spingendosi sopra l’area di 1,1666 dollari.

L’istituto Ifo ha fatto sapere che il sentiment è “euforico” e che il tasso di cambio dell’euro non agisce da impedimento all’economia della Germania, con le attività che stanno andando abbastanza bene da offuscare la forza della moneta unica.

Daniele Chicca 25 Luglio 201711:07

In Usa intanto i Future sui principali indici della Borsa americana fanno pensare a un avvio di seduta contrastato e opposto rispetto a quello della vigilia. Dopo i record toccati ieri il Nasdaq dovrebbe scambiare in ribasso, mentre Dow Jones e S&P 500 dovrebbero riuscire a registrare progressi. I guadagni, tuttavia, dovrebbero essere modesti e non sufficienti a permettere ai due listini di recuperare le perdite subite ieri.

Daniele Chicca 25 Luglio 201712:02

La Grecia correrà un rischio collocando un bond a cinque anni prima della scadenza dell’ultimo prestito ricevuto dalla troika. Le linee guida del prezzo del bond con scadenza 2022 fanno pensare a un rendimento del 4,75% offerto. L’idea è quella di sondare i mercati approfittando dello scudo dell’ESM, ma se dovesse pagare interessi troppo elevati per finanziarsi, rischia di aggravare la sua crisi.

Daniele Chicca 25 Luglio 201712:47

Sul fronte macro così sono andati gli ordini all’industria italiana: in maggio l’indice destagionalizzato è salito del 4,3% rispetto al -0,5% (rivisto da -0,7%) di aprile. L’indice destagionalizzato del fatturato è aumentato a maggio dell’1,5% in termini congiunturali dopo un calo dello 0,4% il mese prima (rivisto da -0,5), riportando l’indice sugli elevati livelli di dicembre. A livello annuo, gli ordinativi a maggio (dati grezzi) sono saliti del 13,7% a fronte del -2,2% del mese precedente, mentre il fatturato, corretto per il calendario, è salito del 7,6% dal +4,1% rivisto di aprile.

Daniele Chicca 25 Luglio 201712:47

Tra gli altri mercati, il petrolio Wti in rialzo a 46,57 dollari al barile. Prezzi petroliferi ancora in rialzo, dopo i guadagni registrati nell’ultima seduta, grazie all’impegno dell’Arabia Saudita di ridurre l’export di 6,6 milioni di barili giornalieri a partire da agosto. A conclusione del vertice di ieri a San Pietroburgo dei Paesi produttori, l’Opec ha richiamato i propri membri al rispetto dei tagli dell’output concordati e si è detta pronta se necessario ad estenderli oltre il termine del marzo 2018.

Daniele Chicca 25 Luglio 201712:48

Sul versante obbligazionario, il future sul Bund con consegna settembre ha aperto stamane in calo di 7 tick a 162,47. Lo spread tra Btp e Bund decennali viaggia in area 154 punti base, con il rendimento del nostro decennale al 2,05%. Oggi il Tesoro, annuncio tipologia e quantitativi Btp e Ccteu in asta il 28 luglio. Attivi sul primario anche Gran Bretagna e Stati Uniti.

Daniele Chicca 25 Luglio 201716:22

Avvio in sordina per il Nasdaq mentre S&P 500 e Dow Jones puntano nuovi record dopo le ultime trimestrali e dati macro. 

Daniele Chicca 25 Luglio 201716:39

Sul valutario il dollaro Usa recupera qualcosa, pur scambiando sempre in calo nei confronti dell’euro, dopo la pubblicazione di dati macro positivi. L’indice della fiducia dei consumatori si è attestato a 121,5 punti a luglio, facendo meglio delle attese che erano per un valore di 116 dopo il punteggio deludente di giugno (117).

Daniele Chicca 25 Luglio 201718:02

Piazza Affari chiude in rialzo la seduta. Il Ftse Mib chiude a +0,61% spinta da alcuni risultati trimestrali e dal rialzo dei titoli bancari e minerari. Leonardo è la prima del listino seguita da Luxottica e Poste Italiane. In ribasso invece Saipem dopo i risultati trimestrali, Brembo ed Enel.

Daniele Chicca 25 Luglio 201718:03

Sul Forex cross euro dollaro in progresso a $1,167. L’euro sale ai massimi da oltre due anni, sostenuto dal forte dato sulla fiducia delle imprese tedesche uscito questa mattina.

Daniele Chicca 25 Luglio 201718:03

Tra le materie prime i prezzi del petrolio Wti guadagnano più del 2,5% a quota 47,7 dollari al barile. Il greggio estende i guadagni sulla scia dell’impegno dell’Arabia Saudita a limitare le esportazioni dal mese prossimo e dei richiami dell’Opec a vari membri dell’organizzazione perché rispettino i tagli della produzione finalizzati a contenere l’eccesso di offerta sul mercato.

Daniele Chicca 25 Luglio 201718:04

Anche le Borse Europee hanno chiuso in rialzo, aiutate dai guadagni del comparto bancario che in media ha fatto +2%. Le principali piazze europee chiudono con il segno più. I titoli migliori dell’Eurostoxx50 sono Deutsche Bank, seguita da SocGen, BBVA, Banco Santander e Axa. Ancora in ribasso invece Volkswagen. Vendite anche su Enel e Nokia.