Borse europee sui massimi di quattro mesi

9 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

Ecco la sintesi della giornata

FTSE/MIB

L’indice Ftse/Mib chiude gli scambi in rialzo dell’1,35%, in linea con il buon andamento delle principali borse europee e di Wall Street, sostenuti da dati macro Usa migliori del consensus. I maggiori rialzi vengono registrati dai titoli finanziari e da Cir, Italcementi, Luxottica, Parmalat, Prysmian, Campari, Fiat e Stm. Deboli invece Snam RG, Telecom Italia, Ansaldo, Mediaset e Tenaris.

EUROSTOXX50

L’indice EuroStoxx50 termina le negoziazioni in rialzo dello 0,96%, con le borse europee rafforzatesi nel primo pomeriggio dopo la buona partenza di Wall Street, e con i mercati sostenuti dai dati macro Usa sui sussidi alla disoccupazione e sulla bilancia commerciale migliori delle attese. I maggiori rialzi vengono registrati dai bancari e da Sap, Daimler e Schneider. Deboli invece Axa, ArcelorMittal, E.On, Rwe e Vivendi.

Azioni Italia

Enel (EUR3,96): comunica che anche nel 2011, per il settimo anno consecutivo, farà parte del prestigioso Dow Jones Sustainability STOXX Index e del selettivo indice World di Dow Jones. Quest’ultimo in particolare prende in considerazione solo il 10% delle 2.500 maggiori società al mondo, che risultano al top in termini di sostenibilità. Confermata nell’indice anche la presenza della controllata spagnola Endesa.

Eni (EUR16,50): il CdA ha deliberato di distribuire agli azionisti un acconto sul dividendo 2010 pari a EUR0,50 per azione, con data di stacco cedola il 20 settembre e pagamento il 23. L’importo del dividendo era già stato anticipato in occasione della trimestrale. Ai possessori di ADRs sarà distribuito un acconto di EUR1. Sempre il CdA ha deliberato l’emissione di uno o più prestiti obbligazionari in dollari da collocare presso investitori professionali entro il 9 settembre 2011 per un ammontare complessivo massimo fino a USD2 mld. Tali emissioni perseguono l’obiettivo di un migliore equilibrio tra l’indebitamento a breve e a medio/lungo termine del gruppo.

Fastweb (EUR17,87): gli analisti di Hsbc hanno ridotto il giudizio su Fastweb da Neutral a Underweight.

Interpump (EUR4,41): le vendite nette sono salite del 30,7% nel periodo luglio agosto 2010, portando il totale dei primi 8 mesi a quota EUR277 mln (+22,6% sull’analogo periodo 2009, e +18,9% a perimetro omogeneo). Nel solo bimestre luglio-agosto le vendite sono state pari a EUR66,8 mln a fronte dei EUR51,1 mln del 2009.

Yorkville (EUR0,088): in forte rialzo a Piazza Affari all’indomani dell’annuncio di una serie di operazioni che il gruppo vede destinate a mutare gli assetti azionari, facendo della società una public company, e ad assicurare solidità patrimoniale e flussi di cassa: in particolare vi saranno il raggruppamento delle azioni nel rapporto di 1 a 10, un’offerta pubblica di scambio sulle quote del fondo immobiliare Investietico, l’assegnazione di warrant e l’acquisizione delle quote di partecipazione nella management company americana Yorkville Advisors Llc..

Azioni Estero

Bae Systems (GBP320): il gigante britannico della difesa ha annunciato che taglierà fino a 1.000 posti di lavoro, in particolare nella sua divisione Military Air Solutions.

Bmw (EUR45,40): le vendite globali del marchio Bmw hanno superato ad agosto i livelli pre-crisi di 2007 e 2008, segnando un aumento a 88.000 veicoli (+16,3%, e +14% nei primi 8 mesi dell’anno), grazie alla ripresa delle vendite di auto di alta gamma e alla Cina, paese nel quale ha venduto nei primi 8 mesi 2010 più veicoli che in tutto il 2009. Inoltre S&P ha alzato l’outlook sul titolo da negativo a stabile.

Commerzbank (EUR6,45): intende restituire i fondi pubblici ricevuti durante la crisi al più tardi nel 2012 e avrà bisogno per questo di mettere in atto una serie di misure come la riduzione di asset rischiosi, la non distribuzione degli utili, compreso anche un aumento di capitale; lo ha dichiarato il Ceo Martin Blessing.

McDonald’s (USD73,70): ha annunciato che le vendite nei negozi aperti da almeno un anno (same-store) sono salite del 4,9% in agosto (appena sotto le attese di +5%). Oltreoceano le vendite del colosso Usa sono salite del 4,6%, +2,2% in Europa e +7,8% nell’area Asia/Pacifico, Medio Oriente e Africa.

Sanofi-Aventis (EUR48,5): secondo DealReporter, servizio di informazione finanziaria collegato al Financial Times, la società ha avanzato una nuova proposta di acquisto dell’americana Genzyme,offrendo ora USD71 per azione in cambio della possibilità di condurre una “parziale due diligence”. L’offerta precedente era di USD69. La notizia è stata poi smentita nel tardo pomeriggio da Sanofi.

Macroeconomia

In linea con le attese, la Bank of England ha mantenuto i tassi invariati allo 0,5%. Sempre nel Regno Unito la bilancia commerciale ha registrato a luglio un disavanzo pari a GBP8,667 mld, peggio delle attese che erano per un passivo di GBP7,45 mld.

Secondo le stime dell’Ocse, in Italia il Pil dovrebbe registrare nel terzo trimestre 2010 un calo dello 0,3%, mentre il 4Q dovrebbe registrare una crescita dello 0,1%. Secondo i dati Istat, in Italia la produzione nel settore delle costruzioni ha registrato nel secondo trimestre 2010 un aumento del 2,5% rispetto 2Q09.

Negli Stati Uniti le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione sono diminuite a 451.000 unità dalle precedenti 472 mila. Il dato è migliore delle attese che indicavano 470 mila. Il deficit commerciale di luglio è stato pari a USD42,8 mld, sotto le attese per un passivo maggiore a USD47 mld ed un dato precedente a USD49,8 mld.

Cambi e commodities

In chiusura dei mercati europei il cambio Eur/Usd quota 1,2720 mentre il petrolio Wti scambia a USD75,60 al barile. Secondo i dati diffusi dell’Eia, l’ente governativo Usa del settore energia, le scorte settimanali di greggio sono calate nella settimana di 1,85 mln di barili ad un totale di 359,85 mln (era invece attesa una crescita di 0,9 mln), le riserve di benzina sono scese di 243.000 (-0,9 mln), quelle di prodotti distillati sono scese di 338.000 (attese +600 mila).

Copyright © UNICREDIT per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved

*Questo documento e’ stato preparato da UniCredit Bank AG. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.