Borse europee sfruttano assist Wall Street, resistono a euro forte

7 Giugno 2018, di Daniele Chicca

Le parole di alcuni funzionari della Bce, tra cui il chief economist Peter Praet e il presidente della Bundesbank Jens Weidmann, circa la possibilità di discutere la prossima settimana della strategia per interrompere le misure di accomodamento monetario straordinarie alla fine dell’anno, hanno rafforzato l’euro e indebolito i Bond nelle ultime ore.

I rendimenti dei Bund decennali, per esempio, sono saliti ai massimi di due settimane, oltrepassando la soglia dello 0,5%. L’incremento dei tassi sta contribuendo a soffiare buon vento sulle vele della moneta euro, con il cross euro dollaro che sul Forex sale sopra 1,18 dollari. L’aumento dei rendimenti tedeschi di riferimento ha anche permesso allo Spread di restringersi dopo una fila di sedute in ampliamento per via dell’incertezza legata alle iniziative annunciate dal governo anti sistema italiano.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 7 Giugno 201812:08

I bancari italiani invertono la rotta dopo un ottimo avvio e passano in territorio negativo. L’indice FTSE Italia Banche segna -0,5%, mentre l’EURO STOXX Banks segna +1,3% circa. Vendite su UBI Banca (-1,1%), Intesa Sanpaolo (-1%), Mediobanca (-0,7%), UniCredit (-0,7%).

L’indice di riferimento del continente europeo scambia in rialzo di pari passo con l’euro.

Daniele Chicca 7 Giugno 201813:34

C’è un certo entusiasmo sui mercati finanziari nonostante le incertezze politiche in Italia, la forza dell’euro e i dubbi sul G7.

Daniele Chicca 7 Giugno 201813:38

I bancari italiani invertono la rotta dopo un ottimo avvio e passano in territorio negativo. L’indice FTSE Italia Banche segna -0,5%, mentre l’EURO STOXX Banks segna +1,3% circa. Vendite su UBI Banca (-1,1%), Intesa Sanpaolo (-1%), Mediobanca (-0,7%), UniCredit (-0,7%).

Daniele Chicca 7 Giugno 201813:38

Il rally stellare dei titoli tecnologici non dà segno di arrestarsi, ma la corsa rallenta il passo per via del possibile flop del G7, delle preoccupazioni legate ai problemi dei mercati emergenti. Turchia e Argentina sono economicamente nei guai, ma anche due colossi come Brasile e India vivono un momento difficile e rischiano di essere contagiati.

Daniele Chicca 7 Giugno 201813:38

L’indice azionario di riferimento del continente europeo EuroStoxx 50 scambia in rialzo a metà seduta, di pari passo con l’euro.

Daniele Chicca 7 Giugno 201815:37

I mercati appaiono in salute e forti, oggi, osserva Mati Greenspan, senior analyst di eToro. Nel corso della giornata di ieri si sono registrati guadagni modesti che hanno permesso al Nasdaq 100 di toccare il suo massimo. “Il mercato sta mostrando una ritrovata propensione all’assunzione di rischio, propensione sottolineata dai mercati valutari, da sempre considerati porti sicuri e dove ultimamente gli scambi sulle valute sembrano essere rimasti indietro. Così facendo sembra quindi che guardando a lungo termine, quella che abbiamo tra le mani possa essere una situazione di breakout”.

“Il presidente della SEC Jay Clayton ha affrontato ieri nel corso di un’intervista alla CNBC, la grande questione che ha attanagliato ultimamente ogni criptotrader statunitense. Secondo il Presidente della SEC infatti, il bitcoin o altri token non sono veri titoli. Parere diverso per gli ICO, i quali secondo Jay Clayton, devono essere approvati dalla SEC in base alle leggi e ai regolamenti, già in vigore per altri asset”.

Daniele Chicca 7 Giugno 201815:45

Avvio marginalmente positivo a Wall Street che tenta l’allungo dopo i guadagni delle ultime quattro sedute. L’indice S&P 500 è in moderato progresso in realtà, appesantito dal report deludente di J.M. Smucker (-7% circa), che schiaccia al ribasso i produttori di cibo in scatola e confezionato. Ancora richiesti i titoli tecnologici, favoriti dall’annullamento del divieto imposto inizialmente dall’amministrazione Usa contro la cinese ZTE Corp.

Daniele Chicca 7 Giugno 201815:47

Il Dow Jones guadagna 45,75 punti (+0,18%) nei primi scambi, attestandosi a 25.192,14 punti. L’indice S&P 500 sale di 2.49 punti (+0,09%) a quota 2.774,84. Il paniere composito del Nasdaq segna un rialzo di 8,17 punti circa (+0,11%) in area 7.697,41.

Daniele Chicca 7 Giugno 201817:06

In ottica euro dollaro, sul breve termine le novità su commercio, politica monetaria e fattori più tecnici dovrebbero favorire la moneta unica, secondo Antonio Cesarano, Chief Global Strategist di Intermonte Sim. Le percezioni tra le due sponde dell’oceano sono opposte: a una BCE con un po’ più di fretta a fuoriuscire dal QE si contrappone una Fed invece molto morbida e graduale. Un altro elemento che dovrebbe penalizzare il dollaro e premiare l’euro è legato ai crescenti timori sul commercio (e quindi sulla crescita) mondiale, “derivanti dalla minacciata guerra commerciale da parte di Donald Trump (con negoziati in corso anche con la Cina oltre che con Canada, Messico e Ue)”.

“Una crescita in rallentamento indurrebbe a maggior ragione ad ipotizzare una Fed molto morbida nel processo di rialzo dei tassi le possibili prese di profitto dopo una fase di apprezzamento del dollaro che va avanti in modo quasi ininterrotto da metà aprile”. Il risultato di tutto ciò potrebbe tradursi in un “recupero dell’euro nell’arco delle prossime settimane”, con il cross euro dollaro che potrebbe spingersi almeno fino a quota $1,20, stando alle stime dell’analista, che precisa come “non si tratterebbe però del trend primario dal momento che nella seconda parte dell’anno altri fattori potrebbero far riprendere il sentiero di apprezzamento del dollaro“.

Daniele Chicca 7 Giugno 201817:57

La Borsa di Londra ha chiuso piatta (FTSE 100 meno otto punti a 7.704 punti) dopo i problemi tecnici che ne hanno ritardo l’avvio. Le società di vendite al dettaglio hanno vissuto una seduta contrastata, mentre i titoli petroliferi sono stati molto richiesti (BP +2,2%).