Borse europee a due velocità, Milano in coda

25 Novembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Le borse europee proseguono a due velocità, in mancanza di spunti precisi che possano condizionarne l’operatività. I mercati del Vecchio Continente risentono anche di un volume di scambi ridotto, in coincidenza con la festività del Ringraziamento in America, che terrà chiusa Wall Street. I toni restano dimessi, per i timori di un allargamento della crisi europea, dopo gli aiuti concessi da UE ed FMI all’Irlanda ed il Piano di austerity lanciato dal Governo di Dublino la vigilia. Oggi restano penalizzati i Paesi più a rischio. Assieme a Dublino che scivola dello 0,83% perdono terreno Madrid con un calo dell’1,02% e Lisbona dello 0,38%. Peraltro, la piazza peggiore resta Milano, che vede scivolare l’indice FTSE MIB dell’1,13%, a causa anche dei timori legati all’instabilità del Governo. Male anche la borsa di Parigi, che flette dello 0,29%, scontando il pessimo andamento delle banche. Tengono le piazze di Bruxelles e Zurigo che si muovono attorno alla parità, mentre Amsterdam mostra un buon guadagno dello 0,23%. Stessa impostazione per Francoforte che recupera lo 0,26% e Londra lo 0,34%. A livello settoriale si segnala la rimonta dei minerari +1,77%, che beneficiano anche di ricoperture. Restano al palo, invece, i titoli finanziari, con le banche che perdono lo 0,3% e gli assicurativi lo 0,13%. L’Euro resta in apnea a 1,3313 USD (-0,17%), dopo aver toccato di nuovo minimi sotto tale soglia a 1,328 dollari.