BORSE ASIATICHE, PARTE IL NASDAQ GIAPPONE

19 Giugno 2000, di Redazione Wall Street Italia

In Asia andamento contrastato per le Borse, trainate dal rialzo dei titoli tecnologici, ma frenate dai timori per un aumento dei tassi in Usa.

Tokyo chiude con un rialzo dell’1,67%: il listino ha beneficiato dell’entusiasmo per il primo giorno del Nasdaq giapponese e del buon andamento dei tecnologici.

Sul Nasdaq Giappone, divisione del listino telematico Usa, vengono per ora trattati otto titoli e devono ancora essere affrontati alcuni problemi: per esempio quello della liquidità. Secondo il codice borsistico del Sol Levante, infattti, alcune società non possono emettere più di mille azioni, ciascuna delle quali in molti casi si ritroverebbero con un prezzo addirittura superiore al milione di dollari. Nasdaq Giappone è comunque la seconda Borsa high tech del Paese dopo il mercato Mothers partito lo scorso dicembre.

A Hong Kong, dove l’indice Hang Seng ha chiuso con un ribasso dello 0,67%. In calo i titoli immobiliari, dopo l’annuncio di tagli dei sussidi da parte del governo.