Borse Asia: avanzata continua grazie alla forza dei dati Usa

19 Marzo 2012, di Redazione Wall Street Italia

Bangkok – Listini asiatici in buon rialzo. Investitori incoraggiati dai continui segnali di ripresa che arrivano dalla più grande economia al mondo, gli Stati Uniti. Wall Street raggiunge i massimi da circa quattro anni e la stabilità dall’azionario in Europa aiuta a migliorare il sentiment generale. Euro a $1,3166.

L’indice azionario Usa S&P500 ha chiuso la settimana rimanendo oltre l’importante soglia di 1.400 punti, raggiunta in questi giorni per la prima volta dal maggio 2008. Intanto l’azionario europeo torna oltre i livelli precedenti al calo generalizzato di fine luglio 2011.

A beneficiarne sono gli esportatori, che ora attendono conferme dal mercato immobiliare degli Stati Uniti, oltre che dai consumi nei principali paesi industrializzati.

Yen giapponese sulla difensiva, tocca i minimi da cinque mesi contro l’euro a JPY 110,13, mentre rimane sui minimi da 11 mesi circa contro il dollaro (oltre JPY 84), prima di apprezzarsi e tornare nella parte bassa di JPY 83.

Asx200 dell’Australia trascinato dai titoli minerari e dai bancari, con i segnali incoraggianti di miglioramento giunti dal Fondo Monetario Internazionale sulla crescita economica globale. L’indice di Sydney si porta ormai vicino all’importante livello di 4.300 punti, livello che in chiusura non riesce a raggiungere, terminando la giornata con +14,60 punti (+0,34%) a 4.290,80.

Indice Shanghai Composite della Cina appesantito dalla peggiore performance dell’anno del settore immobiliare, con i prezzi delle abitazioni in calo. Il comparto delle proprietà residenziali viene visto da alcuni analisti come il rischio maggiore per l’economia nel suo complesso.

Asia: indice Dow Jones Asian Titans in rialzo (+0,39%). Nikkei (+0,12% in chiusura), Seul (+0,62%), Sydney (+0,34%), Hong Kong (+0,23%), Shanghai (+0,02%), Singapore (+0,31%).

Commodities: Wti ($107,39, +0,31%), Brent ($125,85, +0,03%), oro ($1.661,70, +0,36%), argento ($32,63, +0,08%), rame ($3,867, -0,28%).

Valutario: Euro contro il dollaro a $1,3168 (-0,08%), contro lo yen giapponese a ¥109,82 (-0,05%), contro il franco svizzero a CHF 1,2064 (+0,02%), contro la sterlina a GBP 0,8312 (-0,02%). Dollaro/yen a ¥83,37 (-0,02%).

Futures sull’indice S&P500 in rialzo di 2,75 punti (+0,20%) a 1.401,25. Rendimenti dei Treasury a 10 anni al 2,301%.

“Le persone sembrano generalmente più felici, con il miglioramento dell’outlook globale che si riflette in un rialzo del prezzo dei titoli”, ha detto a Bloomberg Tim Schroeders, gestore per Pengana Capital a Melbourne. “I problemi non sono legati alla forza o meno della Cina”.