BORSA: TOKYO -0,19%, MA TOYOTA BALZA DEL 4%

9 Febbraio 2010, di Redazione Wall Street Italia

La Borsa di Tokyo chiude gli scambi in calo dello 0,19%.

L’indice Nikkei si porta a 9.932,90 punti, 18,92 in meno della chiusura di ieri, ma contiene le perdite grazie al rimbalzo di Toyota, che, dopo l’annuncio sul richiamo delle auto ibride per i problemi ai freni, ha registrato un balzo nel corso della seduta di oltre il 4%.

Di fatto, la casa automobilistica giapponese ha annunciato che richiamerà in officina un totale di 437.000 vetture Prius e altre auto ibride vendute in Giappone e negli Stati Uniti, dopo avere accertato una serie di difetti che stanno creando grave imbarazzo alla casa giapponese. Il provvedimento risponde all’esigenza di “tutelare i consumatori, che rappresentano la priorità” dell’azienda, ha detto oggi il presidente della Toyota, Akio Toyoda.

Il gigante giapponese dell’automobile ha consegnato al ministero un documento che precisa le modalità del richiamo, le ragioni tecniche della misura in oggetto, i riferimenti esatti dei modelli considerati e le loro date di produzione.

I modelli interessati dal provvedimento sono la Prius, la SAI, la Lexus HS250h, e la Prius PHV, che presentano in particolare un grave difetto nel sistema frenante. Un totale di 223.068 auto saranno richiamati in officina in Giappone, altre 147.500 negli Stati Uniti, ha precisato il costruttore nipponico.

Da Bruxelles è arrivata poi la notizia di altri richiami dal mercato europeo di 50mila auto modello Prius per un difetto al software del sistema dei freni.

L’azienda ha spiegato che ci vorranno circa 40 minuti per effettuare il cambio del sistema e per poi autorizzare i concessionari alla vendita. Toyota ha chiarito di aver verificato i problemi al sistema dei freni durante dei test.