BORSA TOKIO: IL SI’ DI SADDAM FA BENE AL NIKKEI

17 Settembre 2002, di Redazione Wall Street Italia

La borsa di Tokio, che ha riaperto oggi i battenti dopo la chiusura della vigilia per festività, ha terminato la seduta con un rialzo del 3,27%.

L’indice Nikkei si è portato a 9.544 punti.

La spinta alla crescita è venuta dal calo dello yen, che agevola le aziende orientate all’esportazione, e dal fatto che Baghdad ha accettato il ritorno degli ispettori Onu.

La borsa di Hong Kong ha chiuso la sessione mattutina in rialzo dell’1,62%.

La borsa di Seulha segnato +2,95%.

La borsa di Taiwanha segnato +3,95%.

La borsa di Singaporeha segnato +0,53%.

In generale, le notizie provenienti dall’Iraq hano rincuorato tutti i mercati, a dispetto di quanto affermano alcuni analisti asiatici, e cioè che gli Usa difficilmente recederanno dalle loro intenzioni belliche.

Nel frattempo, comunque, salgono i grossi esportatori, come Toyota a Tokio che si è apprezzata di circa cinque punti percentuali, e salgono i titoli delle compagnie aree, che benficiano di una riduzione dei costi grazie al calo del prezzo del petrolio.

E’ il caso di Singapore Airlines o Cathai Pacific.