BORSA: RECUPERO A “V”, MA NON SARA’ SOSTENIBILE

21 Ottobre 2009, di Redazione Wall Street Italia

La Borsa americana ha esteso il rally in avvio di settimana, sulla scia dell’entusiasmo suscitato dalla lunga serie di risultati trimestrali migliore del previsto. Ieri poi c’e’ stato un ritracciamento causato dal deludente dato giunto dal comparto immobiliare. Che posizioni dovrebbero assumere gli investitori ora, alla luce del forte rally in atto da marzo?

Secondo Nick Calamos, head of investments e chief investment officer di Calamos Investments, e Brian Belski, chief investment strategist di Oppenheimer, il rally a “V” non e’ sostenibile e il mercato e’ destinato a imboccare la strada dei ribassi, prima di tornare a salire ancora. Se puo’ interessarti, in borsa si puo’ guadagnare accedendo alla sezione INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 76 centesimi al giorno, provalo ora!

“Vedremo cifre piu’ basse del previsto riguardo la crescita economica”, ha dichiarato Calamos, precisando che un dollaro debole e un debito governativo in aumento non risolveranno certo i problemi degli Stati Uniti. “Dobbiamo rimanere competitivi su scala globale e dare alle societa’ gli incentivi necessari ad assumere nuovo personale”.

Secondo il parere di Belski, intervistato dall’emittente Usa CNBC, “la corsa del mercato continua a sorprendere la maggior parte della gente”. Molti si aspettavano infatti “una stagione delle trimestrali molto piu’ debole e guardavano a quelle cifre come un potenziale catalizzatore di una eventuale futura correzione, ma cosi’ non e’ stato”.

Il mercato, sottolinea sempre Besky, arrivera’ a toccare il fondo di un rally a forma di “V”, ma nel giro di un anno i titoli si troveranno su livelli piu’ alti di quelli in cui sono oggi. “Non ho mai visto tanti scambi per costruire posizioni lunghe sull’oro e posizioni short nel dollaro. Sara’ interessante vedere cosa accadra’ non appena il PIL tornera’ a crescere”.