BORSA: PIAZZA AFFARI NON RIESCE A RIALZARE LA TESTA

6 Marzo 2009, di Redazione Wall Street Italia

MILANO (Reuters) – Avvio debole a Piazza Affari che alle prime battute conferma il trend negativo. I timori sul fronte economico continuano a prevalere sui mercati che non riescono a risollevarsi nonostante il taglio dei tassi da parte di Bce e Bank of England a livelli più bassi della loro storia. Alle 9,25 il Mibtel aumenta le perdite allo 0,95%, l’S&P/MIB dell’1,59%, l’Allstars dello 0,84%. * Scattano le vendite sui finanziari con UNICREDIT e UBI che scivolano del 7% circa, BANCO POPOLARE del 5,4%, MEDIOLANUM del 4,7% * Partenza negativa anche per gli industriali PRYSMIANI e PIRELLI. In controtendenza invece FIAT, sale del 2%, riprendendo il recente movimento di recupero interrotto bruscamente alla vigilia.

Sopravvivere non e’ sufficiente: ci sono sempre grandi opportunita’ di guadagno. Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul
link INSIDER

* Tengono gli energetici, mentre balza LOTTOMATICA a +2,8%. Ieri in chiusura di borsa, la società ha annunciato un rialzo dell’utile del 27% ma ha detto che il dividendo scenderà a 0,68 euro per azione. Vede indicazioni positive per il 2009. Exane ha tagliato il target price a 11,5 euro confermando il giudizio “underperform” * Avanza di oltre il 3% AUTOGRILL, del 2% IMPREGILO nel giorno della riunione del Cipe che dovrebbe approvare il piano di investimenti del governo nelle infrastrutture. Rimbalzano gli assicurativi ALLEANZA e UNIPOL dopo i forte cali di ieri insieme a tutto il settore. Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano