Borsa Milano perde oltre 1%, rally di MPS

20 Agosto 2012, di Redazione Wall Street Italia

Milano – Una seduta iniziata su presupposti positivi si e’ conclusa in calo di un punto percentuale, con la borsa italiana che ha accelerato al ribasso nel pomeriggio. La smentita della Bce circa le indiscrezioni su eventuali manovre per porre un tetto all’aumento dello spread e il nein della Bundesbank all’ipotesi di contenimento dell’oscillazione dei tassi della periferia ha messo sotto pressione i titoli di stato italiani e spagnoli che fino a quel momento si erano ben comportati. Spread Italia Germania stabile a quota 426 punti.

Domani la Spagna emettera’ bonos a breve termine. Raffreddate in linea generale le speranze che i prossimi appuntamenti tra i leader d’Europa siano risolutivi per la Grecia. L’incertezza e’ estrema all’inizio di una settimana che si rivelerà piuttosto movimentata per l’Eurozona e che vedrà protagonisti diversi incontri tra i leader europei volti ad affrontare, di nuovo, il tema Grecia e, in generale, i conti pubblici dei paesi Ue.

Hanno tenuto banco di nuovo le speculazioni sui possibili interventi della Bce: secondo Der Spiegel l’istituto di Francoforte starebbe valutando nuovi strumenti di intervento sul mercato dei titoli di stato. Un’ipotesi al vaglio sarebbe quella di stabilire un limite massimo dei rendimenti, oltre il quale potrebbe scattare l’aiuto della Bce. Tuttavia, per la Spagna la Bce dovrebbe agire senza limiti. Inoltre, arriva subito la precisazione della Germania, che afferma che il piano dell’istituto di Francoforte sarebbe “problematico”.

Da segnalare che l’indice Stoxx Europe 600 ha testato il massimo dal luglio del 2011, segnando un rialzo per l’undicesima settimana consecutiva, sulla scia delle scommesse degli operatori, secondo cui le autorità europee non permetteranno il disfacimento dell’Eurozona. Il listino Ftse Mib è salito oltre +1% nella mattinata, ma dopo le precisazioni della Germania ha fatto segnare un calo anche di oltre il 2% in area 14.804 punti, prima di chiudere in ribasso dell’1,01% a 14.971,88 punti. Sono solo una manciata i titoli quotati a Milano che riescono a chiudere in positivo. Tra le altre piazze finanziarie, molto male anche Madrid -1,5%, Londra -0,46%, Francoforte -0,17%, Parigi -0,37%. L’indice di riferimento Eurostoxx 50 chiude a -0,34%.

“L’incontro di questa settimana tra la Grecia e la Germania sarà probabilmente un indicatore migliore per capire in che modo le autorità europee intenderanno gestire la crisi, tornati dalle loro vacanze”, ha detto Jonathan Sudaria, dealer presso Capital Spreads, a Londra, in una intervista a Bloomberg.

Per Piazza Affari non basta la forza dei finanziari, che beneficiano proprio degli acquisti sui titoli di stato italiani. Forte rally di MPS, che in avvio di giornata è stata sospesa anche per eccesso di rialzo con un immediato +10%, per poi rientrare agli scambi e balzare fino a +17% circa. Alle 16.20 circa le quotazioni fanno oltre +5%. Gli operatori scommettono sul nuovo riassetto della banca e sulla possibilità di ingresso nel capitale di investitori stranieri, ma non solo.

In generale, le banche sono sostenute anche dal giudizio arrivato da un broker, che ha affermato che è il momento di ridurre la propria esposizione sui difensivi, in particolare sulle tlc, per tornare a guardare con interesse ai finanziari. Il broker ha comunicato il nome della sua banca preferita in Italia e ha elencato quali sono i titoli telecom che comunque preferisce, nonostante il downgrade sul settore.

Occhi puntati sulla Grecia, con una fonte del ministero delle Finanze che ha affermato che Atene riuscirà nella giornata di oggi a estinguere il debito nei confronti della Bce per 3,2 miliardi di euro. Intanto il premier ellenico Antonis Samaras incontrerà il presidente dell’Eurogruppo Jean-Claude Juncker nella giornata di mercoledì 22 agosto, prima di vedere la cancelliera tedesca Angela Merkel venerdì e il presidente francese Francois Hollande nel week end. Merkel e e Hollande si incontreranno invece a Berlino giovedì 23 agosto.

Diversi politici tedeschi hanno affermato che la Grecia deve rispettare i piani di riforma che ha concordato con l’Unione europea e hanno confermato la riluttanza a erogare a favore del paese un terzo pacchetto di aiuti (che Atene spera sarà deciso in occasione del meeting della Bce, in calendario a settembre). Dal canto suo, il premier Antonis Samaras è pronto a chiedere una proroga di due anni per rispettare gli impegni presi con i creditori internazionali.

Riguardo agli altri temi, le autorità di New York – dopo il caso Standard Chartered Bank – stanno indagando su Deutsche Bank e altre banche globali, sulla scia del sospetto che gli istituti abbiano convogliato miliardi di dollari all’Iran, al Sudan e ad altre nazioni colpite dalle sanzioni internazionali.

ALL’INTERNO DEL FTSE MIB – Ancora acquisti sui bancari, con MPS che continua a beneficiare dei rumor relativi alla possibilità dell’ingresso, nel capitale, di investitori esteri. Il titolo della banca senese è stato sospeso per eccesso di rialzo dopo essere volato +10%, per essere ammesso poi agli scambi e arrivare oltre +17%. Chiude a +5,65%. Qualche buy anche su altri bancari, come Mediobanca +0,9%, Banco Popolare +1,31% e Intesa SanPaolo +0,94%. Bene tra gli altri titoli anche Lottomatics +0,25%. Tra i segni meno spiccano i cali di Finmeccanica -5,07%, Mediaset -4,09%, Telecom Italia -3,44%, Stm -3,55% e Buzzi Unicem -3,41%.

BTP – Lo spread Italia-Germania a 10 anni si e’ attestato sopra quota 426 punti base. Il tasso sui BTP decennali ha guadagnato terreno al 5,77%; tasso spagnolo sopra il 6,2%. Vendite sui bund tedeschi, rendimenti +4,55% all’1,56%. Riguardo ai credit default swap, che misurano il rischio paese, quello sulla Spagna cede 14 punti a 462 punti base; Italia -13 punti a 410, Irlanda -9 a 435 punti base.

VALUTARIO – L’euro piatto sul dollaro a $1,2332 (-0,08%) per la delusione Bce; dollaro/yen -0,23% a JPY 79,36, mentre euro/yen -0,24% a JPY 97,86.

MATERIE PRIME – Per terminare la panoramica sui mercati, riguardo alle commodities, i futures sul petrolio su +0,43%, a quota $96,01 al barile, mentre le quotazioni dell’oro a $1.619,40 l’oncia (+0,01%). Quanto ai Treasury, i rendimenti a 10 anni scambiano ora in flessione -0,77% all’1,796%.

HIGHLIGHT DI GIORNATA:

Crisi: Germania, Piano Bce Per Tetto Interessi ‘problematico’.

MPS: governo italiano entra nel capitale?.

La Finlandia non puo’ permettersi di uscire dall’euro.

Ecco i prossimi downgrade in Europa.

Goldman e la migliore puntata del momento sull’azionario.

Grecia: Asmussen, Uscita Da Euro Gestibile Ma Costerebbe Molto Cara.

Grecia: estingueremo oggi debito da 3,2 miliardi con Bce.

Altra settimana di incontri per leader europei. Arriveranno soluzioni reali?.

Fondo sovrano più grande al mondo: aumentare propensione al rischio.

Euro prosegue nel trend rialzista, sempre più vicine le resistenze.

Italia: i numeri della crisi dal crack di Lehman.

Bce valuta piano anti-spread.

Borsa: Europa cauta, attesa su incontri premier greco.

Fisco, niente accordo tra Italia e Svizzera.

Crisi: Spread Btp-bund In Calo A Quota 420.

Borsa Tokyo: Chiusura Poco Mossa Per Il Listino.

Euro in leggero rialzo sul dollaro, alle 8.25 italiane a $1,2349 (+0,06%).

Petrolio: in rialzo in after-hours Ny a 96,41 dollari.

Oro: poco mosso su mercati asiatici a 1.617 dollari.

– L’indice Nikkei della Borsa di Tokyo termina la giornata con +8,66 punti (+0,09%) a 9.171,16 punti.

Borse Asia: torna l’incertezza, freno alla recente avanzata.

Spagna chiede maggiore impegno alla Bce su acquisti di bond.

Dalla Bce un tetto per lo spread ma l’Italia rischia il diktat.

____________________________________

Il mercato è dominato dalle boiling room e sale trading come quella di JPMorgan Chase, dove scommesse fino a un leverage di $200 miliardi e guadagni (o perdite) di 5-6 miliardi sono la norma, nel portafoglio derivati su crediti sintetici. Quindi per vincere sulle lobby bancarie e per non essere continuamente manipolati vi invitiamo – trader, gestori e promotori finanziari della famiglia di WSI – ad essere più sofisticati, piu’ aggressivi, preparati, tecnici, e soprattutto flessibili in un mercato pieno di trappole ma anche di enormi opportunita’. Questo è il vostro spazio per operativita’, commenti flash e strategie di trading. Fatevi sotto.