Borsa Milano in rosso, pesa sentenza Mediaset

29 Luglio 2013, di Redazione Wall Street Italia

MILANO (WSI) – Chiusura in rosso per Piazza Affari, tra le peggiori Borse oggi in Europa, in scia alla debolezza di Wall Street e alle forti vendite che si sono abbattute sui titoli bancari, su cui ha pesato anche il taglio di rating da parte di Fitch su alcuni istituti. L’indice principale Ftse Mib ha perso lo 0,89% a 16.275 punti.

Fanno meglio gli altri listini europei: Francoforte chiude in rialzo dello 0,17% a 8.259,03 punti. Invariate Londra con l’indice Ftse-100 a 6.560,25 punti e Parigi a 3.968,91 punti.

Tra le blue chip maglia nera a Bpm che ha lasciato sul terreno il 5,87%. Seguono Bper (-5,28%) e Mps (-4,64%). Oggi il Financial Times riportava stralci di una lettera datata 16 luglio in cui il commissario Ue per la concorrenza Jacquin Almunia si dice “preoccupato” per la stabilità del Monte Paschi, avvertendo che senza modifiche al piano di ristrutturazione, giudicato troppo “soft”, potrebbe aprire una procedura di infrazione. Vendite diffuse anche sul settore energia nella settimana che vedrà una nuova tornata di trimestrali. Eni perde l’1,67%. Venduta anche A2A (-2,44%) che annuncerà i risultati il 31 luglio.

La Borsa di Milano poi, riferisconi i trader, risente dell’attesa per la sentenza domani della Cassazione sul processo Mediaset che potrebbe segnare il futuro politico di Silvio Berlusconi. “Volente o nolente il nostro mercato risente dell’incertezza legata al verdetto della Cassazione. A questo si aggiunge il fatto che i volumi sono da Ferragosto”, osserva a Reuters un operatore.

Lo Spread tra Btp e Bund decennali viaggia intorno ai 380 punti base. Sul listino principale si fanno sentire i cali delle banche e di Eni. Monte Paschi paga le pressioni della Ue sul piano di ristrutturazione.

In ambito macro, l’indice del clima di fiducia delle imprese manifatturiere è aumentato, passando da 90,5 di giugno a 91,7. I giudizi sugli ordini e le attese di produzione migliorano (da -39 a -37 e da -2 a 0, i rispettivi saldi); il saldo relativo ai giudizi sulle scorte di magazzino passa da 1 a 0.

In calendario anche l’asta di titoli a breve italiani che ha riscontrato un calo dei tassi e una buona domanda. Assegnati tutti i Bot a sei mesi previsti con un rendimento che è sceso sotto la soglia dell’1%..

Il mercato della regione Asia Pacifico ha ceduto terreno, accusando la quarta seduta consecutiva negativa di fila.

Evento del giorno a Tokyo, il discorso del timoniere della Banca giapponese Haruhiko Kuroda, all’alba di una settimana che vedrà gli interventi dei colleghi di politica monetaria di Usa ed Europa.

Pesante tonfo della Borsa nipponica, che ha chiuso in ribasso del 3,32%. L’indice Nikkei dei 225 titoli guida è precipitato sotto i 14 mila punti, a 13.661,13 punti.

L’indice di riferimento MSCI ha fatto invece -0,8%: si tratta dei minimi di due settimane e mezzo.

BTP – In allargamrento lo spread tra i rendimenti di Btp e Bund decennali. Il differenziale è in area 278 punti base, sui livelli della chiusura precedente (274 punti).

ALTRI MERCATI – Sul valutario, euro poco mosso a 1,3274 dollari (1,3276 alla chiusura di Wall Street venerdì) e 129,89 yen in avvio dei mercati europei. La divisa giapponese ha registrato guadagni verso il dollaro (+0,2%) e si appresta a chiudere sui livelli più elevati dal 26 giugno, mentre la maggior parte dei metalli così come il gas naturale accusano ribassi.

In ambito di commodities, il petrolio avanza, scambiato a 104,93 dollari al barile (+0,24%). L’oro è tra le materie prime più ricercate, mentre il rame cede lo 0,3%. I futures sul gas naturale lasciano sul campo il 2,3%.

Fra gli appuntamenti da seguire per la prossima seduta:
In Italia:

Cda su risultati 1° semestre di: Aeffe, Be, Cir, Cofide, Edison, Vianini Lavori.
Conference call surisultati 1° semestre di: Aeffe, Ansaldo Sts.
Bioera, assemblea ordinaria (12,00).
Cir, call conference (13,30).

Assogestioni annuncia dati raccolta fondi e gestioni giugno.
All’estero:

DUBLINO Risultati trimestrali Ryanair.
LISBONA Risultati trimestrali Galp.
LONDRA Banca centrale pubblica crediti al consumo giugno (10,30).
PARIGI Tesoro offre titoli abreve termine (15,50). Risultati trimestrali Danone.
WASHINGTON Pmi Chicago giugno (14,30). Vendite immobiliari in corso giugno (16,00).