BORSA: LA CACCIATA DAL NASDAQ DEI VENDITORI ONLINE

16 Agosto 2000, di Redazione Wall Street Italia

Si sono messi a fare sul serio, dicono gli analisti, e qualche amministratore delegato si sente sulle spine. E’ accaduto che il Nasdaq, il mercato telematico simbolo della ‘New Economy’, abbia estromesso dal listino eFax.com, dopo che il titolo ha perso terreno sino a quota $0,25 senza segnali di ripresa.

Esistono parametri che un titolo deve rispettare per essere quotato sul tabellone elettronico ma, in un mercato che tende a essere sempre piu’ volatile, criteri ispirati all’elasticita’ hanno sinora prevalso sui regolamenti.

La cacciata di eFax.com rappresenta un richiamo all’ordine e sembra proprio che al Nasdaq non abbiano finito il repulisti; altre due societa’ hanno infatti ricevuto un formale ultimatum: 90 giorni di tempo per riportare il prezzo del titolo al di sopra della quota minima di un dollaro, o accomodarsi alla porta.

Le due societa’ sono Beyond.com e K-tel, entrambe nel settore delle vendite online, e presto potrebbe aggiungersi alla lista nera anche MotherNature.com.

Gli operatori si aspettavano un richiamo anche per ValueAmerica, ma la societa’ ha portato lunedi’ scorso i libri in tribunale, chiedendo l’applicazione del “Chapter 11” della legge fallimentare Usa, una sorta di amministrazione controllata che garantisce protezione dai creditori. E il titolo e’ stato automaticamente sospeso dalle contrattazioni.