Borsa in rialzo nel Brexit day, incognita Trump e Fed

29 Marzo 2017, di Daniele Chicca

Borsa positiva in Asia ed Europa nel giorno della Brexit. La premier britannica Theresa May ha ufficialmente firmato la lettera che farà scattare l’articolo 50 dei trattati di Lisbona. Prendono quindi il via i complessi negoziati tra Londra e Bruxelles sui nuovi accordi commerciali e legali tra le due potenze europee. Intanto Janet Yellen, presidente della Fed, ha usato parole relativamente accomodanti, sottolineando che la prima economia al mondo è in ripresa, ma che restano “ancora elevate sacche di disoccupazione“.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 29 Marzo 20179:15

Borse europee in rialzo stamattina e sterlina in calo sotto quota 1,24 dollari nel giorno della formalizzazione del processo di Brexit.

Daniele Chicca 29 Marzo 20179:21

Per gli investitori il punto cruciale è capire che la gente prevede che ci vogliano 10 anni per definire tutto, secondo Sebastian Vos, co-presidente del Global Public Policy and Government Affairs di Covington. “Questo processo negoziale dura invece due anni. È difficile dire come si concluderà. Si spera che sia benefico per tutti. Ma nel breve termine l’incertezza sarà elevata e ci sarà anche una certa “inefficienza” per via dell’estrema attenzione che verrà riservata alle trattative. Azionario e sterlina andranno su e giù”.

Daniele Chicca 29 Marzo 20179:23

Questo è l’andamento delle Borse europee in avvio di seduta. L’indice paneuropeo Stoxx Europe 600 guadagna lo 0,15%.

Daniele Chicca 29 Marzo 20179:32

In ambito di reddito fisso lo Spread tra Btp e Bund scambia in area 175,5 punti base. Il rendimento del bond decennale italiano sul mercato secondario è pari al 2,16%, mentre il tasso del Bund con pari scadenza viaggia in area 0,40%.

Daniele Chicca 29 Marzo 20179:58

Nella regione Asia e Pacifico la Borsa di Tokyo chiude sopra la parità (Nikkei +0,08%), così come Hong Kong (+0,11%) e Shanghai (+0,12%) mentre si muove debolmente Shenzhen (-0,15%). Seduta in buon rialzo invece per Sidney (+0,9%).

Daniele Chicca 29 Marzo 20179:59

Tra gli altri mercati euro in calo a 1,0802 dollari, oro in discesa a 1.249 dollari l’oncia e petrolio in rialzo a 48,54 dollari al barile.

Daniele Chicca 29 Marzo 201710:48

Il petrolio estende i rialzi della vigilia, con il future sul Wti che avanza dello 0,8% a 48,75 dollari al barile. Andamento analogo anche per il contratto sul Brent (+0,78% a 51,82 dollari). I prezzi beneficiano della chiusura dell’oleodotto più grande in Libia che si è tradotto in un calo della produzione del paese di 560.000 barili al giorno.

Si dipanano intanto i dubbi sulla possibile proroga di sei mesi dell’accordo di riduzione della produzione da parte dei paesi Opec. Quanto ai dati di giornata, cresce l’attesa per i numeri sulle scorte settimanali di petrolio negli Stati Uniti. Le stime sono per un ulteriore aumento (+1,19 milioni di barili) che rappresenterebbe un nuovo record dopo quelli raggiunti nelle settimane passate.

Daniele Chicca 29 Marzo 201712:07

Nelle trattative tra Regno Unito ed Europa, quest’ultima manterrà una linea dura. Le autorità di Bruxelles, infatti, non concederanno a Londra la possibilità di stringere un accordo di libero scambio tra le due potenze europee in seguito alla formalizzazione della fine dei rapporti tra i due blocchi. Lo rivelano parti della bozza di una risoluzione del parlamento Ue di cui Il Guardian è entrato in possesso, da cui si evince che la prima mossa del capo Ue dei negoziati sulla Brexit, Michel Barnier, è quella di mettere in difficoltà Londra fin da subito.

“Le rilevazioni pubblicate sulla risoluzione del parlamento europeo mostrano l’imposizione di un limite di tre anni alla durata dell’accordo di transizione e dicono che non ci sarà nessuna intesa sul libero scambio nei prossimi due anni”. Due anni è la durata prevista delle trattative tra Unione Europea e Regno Unito sulle relazioni post Brexit.

Un accordo di transizione per favorire il percorso di uscita dall’Ue di Londra (la cosiddetta Brexit decisa dal popolo britannico con il referendum dello scorso 23 giugno) non dovrebbe durare più di tre anni, secondo quanto verrà stabilito dal Parlamento Europeo in quella che è la prima risposta ufficiale delle istituzioni europee al ricorso all’articolo 50 da parte della premier britannica Theresa May. Sui mercati la sterlina arretra in area 1,2420-1,2425 dollari.

Daniele Chicca 29 Marzo 201712:29

Wall Street, incoraggiata da dati macro positivi e dalle parole relativamente accomodanti pronunciate da Janet Yellen, faranno più fatica oggi dopo i buoni rialzi della vigilia. I futures sugli indici della Borsa indicano infatti che l’avvio sarà prevalentemente in rosso.

Daniele Chicca 29 Marzo 201712:46

I dati macro positivi e le schiarite sulla Brexit dopo che Londra ha fatto ricorso ufficialmente all’articolo 50 del Trattato di Lisbona, sembrano aver favorito i listini azionari europei. A Piazza Affari la seduta prosegue senza troppi slanci, ma il Ftse MIB si porta comunque sui massimi dell’anno.

Daniele Chicca 29 Marzo 201715:03

Piazza Affari ha prima effettuato una virata in ribasso per poi scivolare ai minimi di seduta di 20.233,22 punti intorno alle 14.15 italiane. Al momento cede lo 0,33% a quota 20.266 punti. Calo del 2% per Moncler e dell’1,8% per Atlantia. Sul fronte dei rialzi si mettono in luce Saipem, Generali e Ferrari.

Daniele Chicca 29 Marzo 201715:32

Sul reddito fisso scambiano in ribasso i rendimenti sui Treasuries Usa.

Daniele Chicca 29 Marzo 201715:32

Sul reddito fisso scambiano in calo i rendimenti sui Treasuries Usa.

Daniele Chicca 29 Marzo 201715:33

Avvio in lieve ribasso per gli indici azionari di Wall Street.

Daniele Chicca 29 Marzo 201715:48

L’aspettativa di Bill Street, responsabile EMEA di State Street, sulla Brexit “è che il ricorso alla procedura sia di per sé un non-evento e che sia stato già ampiamente scontato dal mercato. Nel breve termine abbiamo anche assistito a un rimbalzo della sterlina, dal momento che gli investitori hanno chiuso le loro posizioni corte. L’impossibilità di prevedere l’evoluzione di futuri negoziati impedisce allo stato attuale qualsiasi corretta valutazione dei prezzi, ma nel corso dei prossimi due anni il processo scatenerà senza dubbio la volatilità e manovre più ampie sul livello dei prezzi”.

Daniele Chicca 29 Marzo 201716:01

Schroders da parte sua indica che Londra potrebbe ritrovarsi senza un accordo. Stando alla bozza della risoluzione del parlamento UE, Bruxelles non ha intenzione di concedere un accordo per il libero scambio a Londra. Il capo dei negoziati Ue Michel Barnier ha avvertito che non verranno fatte grandi concessioni e la premier Theresa May ha sottolineato che “ci saranno conseguenze” negative per il Regno Unito.

Sul valutario gli ultimi sviluppi hanno favorito il dollaro sulla sterlina, con la valuta americana che è anche aiutata dalla prospettiva di un paio di altri rialzi dei tassi quest’anno, come accennato da Charles Evans, presidente della Fed di Chicago.

Daniele Chicca 29 Marzo 201717:39

Il dollaro Usa accelera ancora portandosi ai massimi di seduta dopo che il membro del board della Fed Rosenberg ha dichiarato che vorrebbe vedere quattro rialzi dei tassi quest’anno, ossia altri tre dopo quello appena annunciato a marzo da Janet Yellen.

Daniele Chicca 29 Marzo 201717:40

Nonostante le dichiarazioni non certo accomodanti di Eric Rosenberg, presidente della Fed di Boston, le Borse europee hanno consolidato i rialzi di giornata e chiuso in positivo.

Daniele Chicca 29 Marzo 201717:42

Malgrado la spinta di pezzi grossi come Ferrari, Eni, Saipem e Leonardo, il listino Ftse MIB non è riuscito a chiudere su livelli superiori a quelli della vigilia. Il risultato di 20.276,80 punti (-0,23%) è comunque migliore rispetto ai minimi di seduta. Moncler, Italgas, Atlantia e Pop Emilia hanno tutti ceduto più di un punto e mezzo percentuale.

Daniele Chicca 29 Marzo 201717:42

L’Eurostoxx50 segna +0,25%. In forte rialzo Engie (+3,46%) dopo l’upgrade di JP Morgan, Vivendi, Deutsche Bank e Schneider Electr. In calo Banco di Bilbao, Telefonica e Intesa Sanpaolo. Il Dax tedesco ha toccato i massimi da aprile 2015.

Daniele Chicca 29 Marzo 201717:43

Tra le materie prime il contratto sul petrolio Wti ha registrato un progresso dell’1,6% a quota 48,5 dollari al barile sulla scia di un aumento delle scorte di greggio Usa inferiore alle attese: l’EIA ha reso noto che le scorte settimanali di greggio negli Stati Uniti sono aumentate di 867mila barili (il consensus era per +1,4 milioni).

Daniele Chicca 29 Marzo 201717:44

Sul valutario il tasso di cambio euro dollaro vale $1,076. Il rafforzamento del biglietto verde ha coinciso con il raggiungimento dei minimi di giornata per l’euro, che testa così i livelli più bassi in oltre una settimana di tempo.

Mentre la Federal Reserve sembra voler tenere un approccio aggressivo, una certa cautela trapela dall’interno della Bce circa un suo rapido riposizionamento su una linea monetaria meno accomodante. Le chance di un rialzo dei tassi entro fine anno in area euro sono scese al 50% dal 70% sui mercati monetari.

Daniele Chicca 29 Marzo 201717:51

L’Eurostoxx50 segna +0,25%. In forte rialzo Engie (+3,46%) dopo l’upgrade di JP Morgan, Vivendi, Deutsche Bank e Schneider Electr. In calo Banco di Bilbao, Telefonica e Intesa Sanpaolo. Il Dax tedesco ha testato i massimi da aprile 2015, quando l’indice toccò 12.326 punti.