Borsa in difficoltà, settore tech sotto pressione dopo downgrade Apple

12 Giugno 2017, di Daniele Chicca

In Europa Borse in difficoltà, con il settore dei tecnologici che paga anche in Asia ed Europa la cattiva prova del comparto a Wall Street. Il downgrade a Neutral da Buy dei titoli Apple da parte di Mizuho Securities domenica rischia di influire negativamente sull’andamento di Borsa oggi. I cinque principali gruppi tecnologici americani, tra cui la stessa Apple hanno perso 100 miliardi di capitalizzazione di mercato venerdì scorso in Usa.

Sul fronte geopolitico il Qatar non si fa mettere sotto dalle pressioni dei paesi confinanti che hanno isolato diplomaticamente Doha, e chiarisce: “se perdiamo un dollaro, anche gli altri paesi del Golfo lo perdono”. In Europa si segnala la vittoria netta, seppure favorita da un alto tasso di astensionismo, del partito del presidente Emmanuel Macron al primo turno delle elezioni legislative. A meno di grosse sorprese al secondo round di domenica prossima, La Republique En Marche! dovrebbe assicurarsi un’ampia maggioranza di seggi in Parlamento.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 12 Giugno 20179:58

In Borsa il settore dei tecnologici è in difficoltà da venerdì scorso e i cali dovrebbero ampliarsi all’inizio di questa settimana. Oggi paga anche in Asia ed Europa la cattiva prova del comparto a Wall Street, che viene accentuata da un evento più unico che raro: un declassamento dei titoli Apple. Il downgrade a Neutral da Buy del rating dei titoli Apple da parte di Mizuho Securities annunciato domenica rischia di influire negativamente sull’andamento di Borsa oggi. I cinque principali gruppi tecnologici americani, tra cui la stessa Apple hanno perso 100 miliardi di capitalizzazione di mercato nella sola seduta di venerdì scorso in Usa.

Il broker giapponese ha citato il prezzo sopravvalutato nel 2017 rispetto alla concorrenza, dicendo che lo scenario più roseo è già scontato nei valori di Borsa attuali i quali tengono già conto dell’entusiasmo per la nuova gamma di prodotti Apple. L’analista Abhey Lamba, che ha ridotto a 150 dollari il prezzo obiettivo del titolo Apple a 12 mesi, non è l’unico a essere preoccupato per i prezzi del settore tecnologico, con gli investitori che hanno iniziato a prendere qualche profitto alla fine della scorsa settimana. Anche Goldman Sachs ha espresso un giudizio più cauto sul comparto.

Daniele Chicca 12 Giugno 201710:00

A Piazza Affari l’avvio di seduta è moderatamente negativo. L’indice Ftse Mib perde lo 0,12% a quota 21.096 punti. Lo Spread tra Btp e Bund continua a calare favorito dalle prospettive di un voto rimandato al 2018 in Italia. Il differenziale tra i rendimenti decennali dei due paesi ha aperto in netto calo a 175,7 punti base, un valore che si confronta con i 181,9 della chiusura di venerdì quando aveva aperto ancora sopra i 190 punti. Il rendimento del Btp 10 anni scende al 2%.

Daniele Chicca 12 Giugno 201710:02

Tra gli altri mercati, su quelli valutari il cross euro dollaro si rafforza a $1,1213. Rispetto allo yen, ritenuta valuta rifugio, la moneta unica vale 123,60 mentre rispetto alla sterlina passa di mano a quota 0,87967.

Nel mercato energetico, il contratto Wti sul petrolio è in rialzo a 46,03 dollari al barie, mentre il future analogo sul Brent viaggia in area 48,38 dollari. Stabile il prezzo dell’oro che scambia in zona 1.267,27 dollari, con un progresso minimo dello 0,05%.

Daniele Chicca 12 Giugno 201711:39

Mentre Piazza Affari cede circa mezzo punto percentuale a metà mattina l’andamento dei future sui principali indici della Borsa Usa fanno pensare a un avvio di seduta contrastato a Wall Street.

Daniele Chicca 12 Giugno 201711:39

Tra gli altri mercati, su quelli valutari il cross euro dollaro si rafforza a $1,1213. Rispetto allo yen, ritenuta valuta rifugio, la moneta unica vale 123,60 mentre rispetto alla sterlina passa di mano a quota 0,87967.

Nel mercato energetico, positivo il greggio: il contratto Wti sul petrolio è in rialzo a 46,03 dollari al barie, mentre il future analogo sul Brent viaggia in area 48,32 dollari. Stabile il prezzo dell’oro che scambia in zona 1.267,27 dollari, con un progresso minimo.

Daniele Chicca 12 Giugno 201711:50

In vista della riunione della Fed di mercoledì, con Goldman Sachs che prevede che i tassi vengano alzati di altri 25 punti base nonostante il passo falso dell’economia americana nel primo trimestre, i rendimenti salgono e i prezzi scendono sul secondario.

Il tasso del decennale di riferimento sale al 2,2092% mentre il rendimento del Treasury trentennale cresce al 2,8610%.

Daniele Chicca 12 Giugno 201711:52

Sul Forex, la sterlina scambia in ribasso spingendosi a $1,27 con gli investitori che devono digerire gli alert di Moody’s e S&P. La divisa britannica sta perdendo terreno anche nei confronti dell’euro nei confronti del quale cede lo 0,9% sui minimi di sette mesi (88,62 pence per ogni euro). Venerdì la sterlina aveva toccato i minimi di otto mesi a 1,1285.

Daniele Chicca 12 Giugno 201711:53

Sul Forex, la sterlina scambia in ribasso spingendosi a $1,27 con gli investitori che devono digerire gli alert sul credito di Moody’s e S&P.

Daniele Chicca 12 Giugno 201714:36

Il petrolio accelera al rialzo interrompendo una striscia negativa di tre sedute. I trader scommettono su un rincaro dei prezzi dopo i cali degli ultimi giorni nonostante l’incremento delle attività di trivellazione e dell’offerta di petrolio negli Stati Uniti.

Dopo aver raggiunto i massimi di seduta a 49,15 dollari, iI future sul Brent avanzano di 85 centesimi a quota $49 al barile. Il contratto analogo sul Wti fa un balzo di 74 centesimi in area $46,58, poco sotto i massimi giornalieri di $46,69.

Daniele Chicca 12 Giugno 201714:37

Sul Forex, la sterlina scambia in ribasso spingendosi a $1,27 con gli investitori che devono digerire gli alert di Moody’s e S&P. La divisa britannica sta perdendo terreno anche nei confronti dell’euro nei confronti del quale cede lo 0,9% sui minimi di sette mesi (88,62 pence per ogni euro). Venerdì la sterlina aveva toccato i minimi di otto mesi a 1,1285 euro.

Daniele Chicca 12 Giugno 201716:35

Wall Street fa fatica in avvio di seduta: quando è passata un’ora circa dall’apertura delle contrattazioni i tre principali indici di Borsa scambiano in ribasso. A guidare i ribassi sono anche oggi i grandi titoli del settore tecnologico, in calo da venerdì. 

Daniele Chicca 12 Giugno 201716:36

Dopo aver bucato la soglia psicologica di $1,12, l’euro è sceso sulla parità nei confronti del dollaro, toccando i minimi di seduta in area 1,1193.

Daniele Chicca 12 Giugno 201716:37

Dopo aver bucato la soglia psicologica di $1,12, l’euro è sceso sulla parità nei confronti del dollaro, toccando i minimi di seduta di 1,1193.

Daniele Chicca 12 Giugno 201717:08

I titoli Apple sono in calo del 7% in due sedute e l’andamento negativo del settore hi-tech Usa sta pesando anche sulle Borse europee. Quando manca meno di mezz’ora alla chiusura gli indici principali del continente scambiano in rosso.

Daniele Chicca 12 Giugno 201717:18

Circa un’ora fa, dopo l’avvio negativo di Wall Street e Apple, il settore tech in Europa ha toccato i minimi di seduta (-4,3%).

Daniele Chicca 12 Giugno 201717:30

I rischi di scoppio della bolla dei tecnologici – con le grandi aziende del settore che in Usa erano le assolute regine incontrastate dei mercati fino a una settimana fa – stanno mettendo in crisi gli operatori di Borsa. Venerdì il Nasdaq ha perso a un certo punto anche il -4,5% prima di chiudere a -3%. Oggi i cali continuano.

La seduta precedente Amazon è stata anche vittima di un cosiddetto “flash crash” che ha spinto i titoli a cedere fino a più dell’8%, salvo poi recuperare terreno. Secondo gli analisti a pesare sono stati i declassamenti e report negatici di alcune grandi banche d’affari americane.

Daniele Chicca 12 Giugno 201717:44

I rischi di scoppio della bolla dei tecnologici – con le grandi aziende del settore che in Usa erano le assolute regine incontrastate dei mercati fino a una settimana fa – stanno mettendo in crisi gli operatori di Borsa. Venerdì il Nasdaq ha perso a un certo punto anche il -4,5% prima di chiudere a -3%. Oggi i cali continuano.

La seduta precedente Amazon è stata anche vittima di un cosiddetto “flash crash” che ha spinto i titoli a cedere fino a più dell’8%, salvo poi recuperare terreno. Secondo gli analisti a pesare sono stati i declassamenti e report negatici di alcune grandi banche d’affari.

Daniele Chicca 12 Giugno 201717:45

Tra i mercati energetici il prezzo del petrolio Wti consolida i rialzi scambiando a quota 46,5 dollari al barile, interrompendo così una striscia negativa che durava da tre sedute. I trader incrementano le scommesse su un nuovo balzo del prezzo, sebbene sui mercati fisici resti una certa abbondanza dell’offerta alla luce soprattutto dell’aumento delle perforazioni negli Usa.

Daniele Chicca 12 Giugno 201717:45

Sui mercati valutari alla chiusura delle Borse europee il cross euro dollaro è sostanzialmente piatto a quota $1,119. Limitata la reazione dell’euro al voto francese, che ha visto la formazione dell’attuale presidente francese Emmanuel Macron ottenere gli attesi consensi al primo turno di domenica delle votazioni legislative guadagnando la maggioranza assoluta alla Camera.

Daniele Chicca 12 Giugno 201717:46

Piazza Affari ha chiuso in ribasso, penalizzata dai titoli tecnologici che in tutta Europa risentono delle vendite abbattutesi su Apple. Il Ftse Mib chiude a -1%. La peggiore del listino è STM, oggetto di forti vendite. Male anche Ferrari e Leonardo. In rialzo invece Ubi Banca, nel giorno dell’aumento di capitale, Saipem e Poste Italiane.

Daniele Chicca 12 Giugno 201717:47

Lo stesso discorso vale anche per le Borse Europee dove l’indice di riferimento dei tecnologici ha perso il 4,3%. Il paniere Eurostoxx ha fatto registrare un calo del -1,12%. I risultati delle elezioni in Francia e in Italia, positivi per i mercati, non riescono a controbilanciare le vendite sui titoli del comparto Tech. Forti vendite su ASML Holding, Sap Se, Siemens e Nokia. In rialzo i titoli del comparto automotive (Volkswagen, Daimler e BMW) e gli energetici.