BORSA: IL PRIMO GIORNO DI NASDAQ JAPAN

19 Giugno 2000, di Redazione Wall Street Italia

Il Nasdaq Japan Market ha iniziato oggi le contrattazioni con il debutto di otto societa’ sul listino.

Frank Zarb, chairman del NASD – che insieme a Softbank Corp. controlla il Nasdaq Japan – vede il Nuovo Mercato mobiliare come un notevole passo avanti verso la globalizzazione degli scambi e il punto di partenza per una piattaforma tecnologica che colleghi Asia, Europa e Stati Uniti.

I vantaggi sono, secondo gli operatori, evidenti per tutti: le societa’ potranno avere accesso a nuove fonti di liquidita’, gli investitori potranno accedere piu’ facilmente ed economicamente a una vasta gamma di titoli e avere a disposizione un numero maggiore di informazioni societarie; e i Paesi coinvolti riceveranno benefici economici quali nuovi posti di lavoro e accresciuta ricchezza.

Tra le societa’ che hanno fatto il loro ingresso sul Nasdaq Japan Market, Xnet Corp. e Digital Design Co. hanno chiuso la prima giornata di contrattazioni in rialzo rispetto al prezzo iniziale dell’Ipo; Sugi Pharmacy Co. e Don Quijote Co. hanno finito con una quotazione piatta; Honda Verno Tokai Co. ha guadagnato il 3,4% rispetto alla chiusura di venerdi’ su un altro mercato e Creek & River Co. ha perso leggermente terreno sull’apertura. Digicube Co. e Masternet Co. , passate al Nasdaq dal mercato ‘over-the-counter’, hanno entrambe perso terreno.

La prima giornata di scambi ha visto sul mercato soprattutto investitori individuali e societa’ di brokeraggio, mentre gli investitori istituzionali hanno mantenuto le distanze.

Le societa’ collocate sul Nuovo Mercato dovrebbero raggiungere quota 120 entro un anno – le due divisioni del colosso Internet Softbank, Morningstar Japan KK e Etrade Japan inizieranno le contrattazioni sul Nasdaq Japan prima dell’estate – e aumentare a 500 entro il 2003.