Boom di fusioni e acquisizioni, 2015 verso nuovo record

24 Giugno 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Il 2015 si chiuderà con un nuovo record sul fronte delle fusioni e acquisizioni. Un record che batterà il massimo storico toccato nel 2007 e che, a quanto pare, sembra destinato a continuare fino al 2017. Lo ha detto a Bloomberg John Studzinski di Blackstone, secondo cui i settori più coinvolti nel processo di aggregazione saranno le telecomunicazioni, la sanità e l’industria energetica.

In termini assoluti, secondo le previsioni di Bloomberg le operazioni di fusione e acquisizione supereranno quota 3 mila miliardi di dollari a fine anno. Da inizio anno, l’ammontare totale coinvolto in tali operazioni è stato di 1.500 miliardi con un totale di offerte superiori a 11 mila.

Tra le operazioni più rilevanti, l’acquisizione di Royal Dutch Shell Plc da parte di BG Group Plc e quella di Charter Communications da parte di Time Warner Cable.

La “straordinaria quantità di denaro presente nei bilanci delle aziende” aiuterà ad alimentare le operazioni, ha detto Studzinski , aggiungendo che le offerte stanno guadagnando popolarità tra consigli di amministrazione che “gli azionisti non vogliono più cash”, sotto forma di riacquisto di azioni. (mt)