Bond Irlanda verso il 9%. CDS Italia nuovo record. Trema chi ha Cct e Btp

24 Novembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

La crisi Ue si aggava, e mentre l’euro si indebolisce e scivola a 1.3316, il rendimento del titolo di Stato irlandese a 10 anni e’ salito all’8.74%, con il prezzo in continuo calo. Sale al top di periodo il rischio Italia, con i CDS (Credit default swaps) ai nuovi massimi degli ultimi mesi, con il Btp a 10 anni in crescita di 10 punti base, record dal luglio 2009. Motivo: l’Europa sta studiando un meccanismo in cui i prossimi salvataggi di paesi membri (sicuri, vista la gravita’ della crisi) relativi ai debiti sovrani dei PIIGS (Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia e Spagna) saranno finanziati “anche” con la partecipazione dei possessori di titoli di Stato di ciascun paese. Tremano banche, privati e aziende che hanno in portafoglio Cct, Btp e Bot. Sell massicci in borsa, colpito piu’ degli altri il settore bancario.

>>>>>QUESTO ARTICOLO E’ RISERVATO A MONEY MANAGER E GESTORI DI FONDI. PER LA LETTURA E’ RICHIESTO L’ABBONAMENTO A INSIDER. Ci si puo’ abbonare in pochi secondi. Per 1 mese, costa solo 0.86 euro al giorno.