Euro e Borse scossi da novità su Bce e Brexit

30 Marzo 2017, di Daniele Chicca

Borse in cerca di direzione attendono nuovi sviluppi dall’agenda di Donald Trump, che annuncerà la misura di investimento alle infrastrutture, dai dati sul Pil Usa e dai negoziati sulla Brexit, mentre le ultime indiscrezioni circa una Bce più accomodante di quanto si era capito dopo la riunione del 9 marzo penalizzano la moneta unica e favoriscono in qualche modo i titoli di Stato dell’area della moneta unica.

I tassi dei Bond dell’Eurozona sono in calo anche per via dei dati sull’inflazione, più bassa del previsto, pubblicati in Spagna e in Germania. Tra le Borse europee a Piazza Affari, buy su Fincantieri dopo i conti fiscali e movimenti anche su Piaggio dopo le indiscrezioni stampa sul coinvolgimento della Vespa nella rappresaglia sui dazi ad alcuni prodotti europei che l’amministrazione Trump ha in cantiere per rispondere al blocco della carne trattata con ormone. Bene anche Telecom Italia mentre Vivendi prova a piazzare il suo AD alla presidenza della compagnia italiana di telecomunicazioni.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 30 Marzo 201710:15

Apertura senza grandi spunti per le Borse europee: FTSE +0,07%; DAX +0,08%; CAC 40 +0,08%; FTSE MIB +0,1%, piatto l’IBEX. Dopo i dati più deboli del previsto sui prezzi al consumo in Spagna, in Sassonia e in Brandeburgo, i rendimenti obbligazionari governativi dell’area euro sono in calo.

Daniele Chicca 30 Marzo 201710:28

Sul valutario euro in difficoltà dopo che una fonte ha riferito a Reuters che la Bce in aprile non intende apportare cambiamenti al messaggio di politica monetaria dopo che la paura di un rialzo dei tassi a inizio 2018 o addirittura nel 2017 ha fatto salire la moneta unica e i rendimenti nel debito sovrano della periferia più vulnerabile dell’area euro.

La fonte ha spiegato che il messaggio della banca centrale nella riunione del 9 marzo è stato mal interpretato dai mercati. Le autorità ci tengono a rassicurare gli investitori che la politica ultra accomodante è tutt’altro che finita, e che c’è una certa riluttanza ad annunciare modifiche alla strategia della Bce prima di giugno, stando a quanto riportato da sei fonti vicine e interne al board della Bce.

Daniele Chicca 30 Marzo 201710:37

Sul fronte macro, sono stati pubblicati i dati sull’inflazione in Spagna e in alcuni laender tedeschi. A marzo l’indice dei prezzi al consumo spagnoli è rimasto invariato contro il +0,2% atteso dal mercato. In Sassonia l’indice CPI è salito del +0,2% contro il +0,5% previsto. Nel regione tedesca del Brandeburgo l’inflazione è cresciuta del +0,3% a marzo a fronte del +0,5% stimato, mentre nell’Hesse e in Baviera le attese per un’espansione mensile dello 0,6% non sono state rispettate (i risultati sono stati rispettivamente di una variazione nulla e di +0,4%). I dati sono tutti espressi su base mensile.

Daniele Chicca 30 Marzo 201710:43

Tornando all’azionario, in Asia chiusura negativa oggi per la piazza giapponese, che ha visto il paniere Nikkei 225 terminare gli scambi a 19.063,22 punti, in ribasso dello 0,8%. Male anche le Borse cinesi.

Daniele Chicca 30 Marzo 201710:48

I titoli Samsung avanzano invece in Asia dopo la presentazione di due nuovi modelli di Smartphone Galaxy (S8). È il primo lancio di prodotti di punta dopo che la società sudcoreana è stata costretta a ritirare dal mercato i suoi Note 7 l’anno scorso.

Daniele Chicca 30 Marzo 201710:49

Sul valutario euro in difficoltà dopo che una fonte ha riferito a Reuters che la Bce in aprile non intende apportare cambiamenti al messaggio di politica monetaria dopo che la paura di un rialzo dei tassi a inizio 2018 o addirittura nel 2017 ha fatto salire la moneta unica e i rendimenti nel debito sovrano della periferia più vulnerabile dell’area euro.

La fonte ha spiegato che il messaggio della banca centrale nella riunione del 9 marzo è stato mal interpretato dai mercati. Le autorità ci tengono a rassicurare gli investitori che la politica ultra accomodante è tutt’altro che finita, e che c’è una certa riluttanza ad annunciare modifiche alla strategia della Bce prima di giugno, stando a quanto riportato da sei fonti vicine e interne al board della Bce.

Daniele Chicca 30 Marzo 201710:51

Le Borse europee proseguono la seduta in lieve rialzo sostenute dalle indiscrezioni su una Bce più accomodante e in attesa di conoscere nuovi dettagli sui negoziati sulla Brexit.

Daniele Chicca 30 Marzo 201711:02

Nuovo blitz di Vincent Bolloré in Italia. Il suo gruppo Vivendi vorrebbe che l’amministratore delegato Arnaud de Puyfontaine diventi il presidente di Telecom Italia, secondo quanto riferito da Reuters. Dopo la tentata scalata del magnate francese dei media a Mediaset, una nomina di questo tipo alimenterebbe ulteriormente i timori circa una presenza francese sempre più forte in seno ai management e azionariati delle aziende italiane.

Vivendi controlla il 24% di Telecom Italia. A maggio è previsto il rinnovo del Cda di Telecom, che per il momento vede come presidente del gruppo Giuseppe Recchi, mentre de Puyfontaine ricopre il ruolo di vice. I titoli Vivendi avanzano di un decimo di punto percentuale oggi e sono in calo di più di un punto e mezzo percentuale negli ultimi tre mesi. Le azioni Telecom avanzano dell’1% a quota 0,851 euro.

Daniele Chicca 30 Marzo 201711:09

A Piazza Affari intanto, oltre a Telecom Italia, si distingue in positivo anche Fincantieri. L’impresa dei cantieri navali guadagna anche il +3,8% scambiando in area 0,70 euro tra volumi più sostenuti delle media. A innescare gli acquisti sono le cifre sui conti dell’esercizio fiscale 2016 pubblicate ieri a mercati fermi.

Al netto delle componenti non ricorrenti, Fincantieri ha archiviato l’anno con un risultato positivo pari a 60 milioni di euro dopo il rosso di -252 milioni messo a referto nel 2015. Il risultato di pertinenza del gruppo è tornato positivo (66 milioni dai -141 milioni precedenti). Il risultato positivo ha consentito a Fincantieri restare ottimista sull’outlook per l’anno in corso: confermati dunque gli obiettivi di medio termine e la distribuzione di dividendi a partire dall’utile 2017.

Daniele Chicca 30 Marzo 201711:13

Tornando al mercato obbligazionario lo Spread tra Btp e Bund prosegue senza troppe variazioni oggi, con il differenziale tra il decennale italiano e quello tedesco che viaggia sotto l’area dei 180 punti base, invariato rispetto al valore della vigilia (179). Scende invece al 2,12% dal 2,14% il tasso dei Btp decennali.

Daniele Chicca 30 Marzo 201712:32

L’andamento dei future sui principali indici della Borsa Usa suggerisce che l’avvio a Wall Street sarà negativo. I contratti, che prima scambiavano in rialzo nel preborsa, hanno effettuato una virata in rosso anche se il Nasdaq, così come stanno le cose, dovrebbe farcela ad aprire sulla linea di parità.

Le cose non stanno messe così male in realtà per la Borsa Usa, che tanto ha corso da novembre a febbraio. Con qualche guadagno anche oggi l’indice S&P 500 azzererebbe poi le perdite di marzo, mentre il Nasdaq si appresta a chiudere il quinto mese consecutivo in guadagno.

Daniele Chicca 30 Marzo 201712:50

Le indiscrezioni su una Bce più accomodante e i dati più fiacchi del previsto sull’inflazione negli Stati federali tedeschi hanno penalizzato l’euro sinora quest’oggi. La valuta cede terreno nei confronti delle principali valute rivali:

Daniele Chicca 30 Marzo 201715:52

Apertura poco mossa per l’azionario americano che non reagisce in modo positivo alla revisione al rialzo del Pil nel quarto trimestre 2017, preferendo concentrarsi sullo stato di salute economico attuale e sulle prospettive in materia di rialzi dei tassi. 

Oggi prenderanno la parola diversi esponenti della Fed: il presidente della Fed di San Francisco John Williams alle 17 italiane, il presidente della Fed di Dallas alle 21 italiane e infine il capo della Fed di New York William Dudley alle 22.30.

Anche le ultime novità sul petrolio influenzano gli scambi, con i prezzi che salgono dello 0,8% sul Wti a quota 49,90 dollari al barile, dopo i dati migliori del previsto presentati ieri dall’EIA sulle scorte settimanali di greggio in Usa.

Daniele Chicca 30 Marzo 201715:54

Apertura poco mossa per l’azionario americano che non reagisce in modo positivo alla revisione al rialzo del Pil nel quarto trimestre 2017, preferendo concentrarsi sullo stato di salute economico attuale e sulle prospettive in materia di rialzi dei tassi. 

Oggi prenderanno la parola diversi esponenti della Fed: il presidente della Fed di San Francisco John Williams alle 17 italiane, il presidente della Fed di Dallas Robert Kaplan alle 21 italiane e infine il capo della Fed di New York William Dudley alle 22.30.

Anche le ultime novità sul petrolio influenzano gli scambi, con i prezzi che salgono dello 0,8% sul Wti a quota 49,90 dollari al barile, dopo i dati migliori del previsto presentati ieri dall’EIA sulle scorte settimanali di greggio in Usa.

Daniele Chicca 30 Marzo 201715:59

In realtà un esponente della Fed ha già parlato oggi: si tratta di Loretta Mester, della Federal Reserve di Cleveland, la quale ha sottolineato come una politica di irrigidimento monetario è necessaria e che i dati deboli del primo trimestre per l’economia sa sono solo un fenomeno passeggero. 

Mester non ha diritto di voto al board ma partecipa a tutte le riunioni di politica monetaria e contribuisce alle analisi sull’economia e sulle strategie monetarie da adottare.

Daniele Chicca 30 Marzo 201716:17

Sul valutario il dollaro Usa cede quota dopo che Trump ha minacciato di sanzionare i paesi che decideranno di svalutare la propria moneta. Secondo quanto riportato dalla CNBC, che cita due fonti anonime a conoscenza dei fatti, l’amministrazione Usa sta studiando un modo per poter penalizzare i paesi le cui divise sono (a suo insindacabile giudizio) sottovalutate.

Daniele Chicca 30 Marzo 201716:18

Sul valutario il dollaro Usa cede quota dopo che Trump ha minacciato di sanzionare i paesi che decideranno di svalutare la propria moneta.  Secondo quanto riportato dalla CNBC, che cita due fonti anonime a conoscenza dei fatti, l’amministrazione Usa studiando un modo per poter penalizzare i paesi le cui divise sono (a suo insindacabile giudizio) sottovalutate.

Daniele Chicca 30 Marzo 201717:07

Piazza Affari intanto torna a scambiare in territorio positivo di pari passo con il rafforzamento degli altri indici europei dopo l’avvio positivo di Wall Street. 

Il listino Ftse MIB avanza dello 0,12%. Il Dax tedesco guadagna lo 0,2% e il Cac francese lo 0,27 per cento. L’Ibex spagnolo recupera lo 0,09% mentre, oltre la Manica, il Ftse 100 britannico cede lo 0,25%.
Acquisti anche sui maggiori indici Usa con l’S&P 500 che guadagna lo 0,16%, il Nasdaq in rialzo dello 0,13% e il Dow Jones in vantaggio sul riferimento di 0,31 punti percentuali.

Daniele Chicca 30 Marzo 201717:37

Tra gli altri mercati in concomitanza con la chiusura positiva delle Borse europee il contratto sul petrolio Wti viaggia in rialzo dell’1,9% a quota 50,4 dollari al barile. Il tasso di cambio euro dollaro quota $1,073. L’euro si conferma in arretramento, spinto verso il basso dai dati odierni sull’inflazione tedesca, che contribuiscono a smorzare le aspettative di un rapido riposizionamento della Bce su una linea meno accomodante di quella attuale.

Daniele Chicca 30 Marzo 201717:38

A Piazza Affari sta per fare il suo esordio Unieuro: il prezzo per l’Ipo è stato rivisto al ribasso a 11 euro, rispetto alla precedente forchetta tra i 13 e i 16,5 euro. L’offerta si chiude oggi alle 20.

Daniele Chicca 30 Marzo 201717:44

Grazie a uno sprint nel pomeriggio la Borsa di Milano ha chiuso in rialzo. Girando in positivo dopo una mattinata fiacca, il listino Ftse MIB segna un computo del +0,45%. Molto bene i titoli petroliferi, sulla scia dei prezzi del greggio, insieme a Campari, Ubi Banca e Ferragamo. In calo Pop Emilia, Poste Italiane e A2A.

Daniele Chicca 30 Marzo 201717:44

Le Borse europee chiudono positive, ma senza strappi con l’indice paneuropeo Eurostoxx50 che registra un lieve progresso (+0,18%). Oltre a Daimler, che registra un forte ribasso giustificato dallo stacco del dividendo, chiudono in calo Deutsche Bank ed Engie. In rialzo invece CRH, Schneider e Volkswagen.