Bombe Boston: ucciso uno dei due sospetti, l’altro in fuga. Sono fratelli della Cecenia

19 Aprile 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Confermato il decesso di uno dei due sospetti artefici della tragedia della Maratona di Boston. L’uomo, che nelle foto e nei video diffusi dalle autorità aveva un cappello nero, è morto durante una sparatoria, in cui ha aperto il fuoco e lanciato esplisivi contro la polizia.

La polizia di Boston cerca ora l’altro sospetto, come ha confermato il commissario Edward F. Davis: si tratterebbe dell’altro giovane che indossa un cappello bianco di baseball: “Riteniamo che sia un terrorista – ha detto Davis ai giornalisti verso le 4.30 di mattina – Riteniamo che sia un uomo disposto a uccidere la gente”.

Secondo l’Associated Press sarebbero due fratelli di circa 20 anni di origine cecena. Dzhokhar Tsarnaev sarebbe arrivato negli Stati Uniti nel 2001 o 2002 da Makhachkala, principale città del Dagestan, repubblica caucasica della Russia. A dirlo è la Bbc di Mosca. Il ragazzo, che in precedenza aveva vissuto in Kirghizistan, avrebbe ricevuto una borsa di studio di 2.500 dollari nel 2011. Il giovane, 19 anni, è in fuga, mentre il fratello maggiore, Tamerlan, è stato ucciso dalla polizia. Le autorità hanno chiesto all’intera popolazione di Boston di non uscire di casa.

La polizia ha lanciato un alert ai residenti dell’area di Boston, East Watertown, consigliando loro di rimanere nelle loro abitazioni, e di non rispondere a nessuno che suoni alla porta, a meno che non si tratti di un ufficiale di polizia in uniforme.

Le autorità hanno dichiarato che i sospetti hanno lanciato esplosivi da una macchina, durante l’inseguimento nella zona di Watertown. Sembra che uno dei due sia in Usa da appena un anno. Ma quello che conta ora e’ l’incolumita’ della cittadinanza di Boston. L’uomo e’ imbottito di esplosivi.

Sempre le forze di sicurezza raccontano di aver ritrovato la macchina di proprietà di Tamerlan Tsarnaev, con cui pensavano fosse scappato il fratello Dzhokhar, i due presunti responsabili dell’attentato di Boston. La macchina era vuota. Secondo il Boston Globe, il ragazzo potrebbe aver lasciato la macchina per fuggire a piedi. Intanto, il briefing alla Casa Bianca è stato rinviato, in attesa che la situazione sulla caccia a uno dei due responsabili dell’attentato alla maratona sia più chiara.

La polizia pensa che la persona sospettata si sia potuta rifugiare da amici o parenti o che sia potuta scappare a New York. Boston e’ circondata da mezzi pesanti ed esercito, in una caccia all’uomo e una tensione che non si vedeva dall’11 settembre.

____________________

Uno dei due sospetti della Maratona di Boston è deceduto, per colpi di arma da fuoco. Lo riporta il sito Cnbc. L’altro è in fuga, è considerato pericoloso.
[ARTICLEIMAGE]
Secondo gli inquirenti, sono loro gli artefici della strage della Maratona di Boston. L’uomo colpito è poi stato catturato. Lo riporta il sito Boston Globe, che avrebbe ricevuto la notizia da una fonte vicina alle forze dell’ordine.

L’altro sospetto rimane invece a piede libero. Almeno uno dei due dovrebbe avere tra i 20 anni. Nelle ultime ore l’Fbi aveva diffuso le foto e i video di due sospetti.

I due sospetti di Boston sembrano “associati” e sono stati ripresi “mentre camminano assieme” su Boylston Street verso la linea del traguardo della maratona di Boston. “Sono armati ed estremamente pericolosi“, aveva avvertito il responsabile dell’Fbi Richard DesLauriers.

Ore concitate nella città anche per l’altro attentato di qualche ora fa, con cui un cecchino ha colpito a morte un agente della polizia nel campus del MIT. Il sospetto è che ci sia un collegamento tra la strage della Maratona e l’attentato che è costato la vota al poliziotto.

Scena di caos a Cambridge e Watertown nella notte, inseguimenti a Watertown per cercare di catturare il cecchino. “Siamo consapevoli della situazione, stiamo monitorando”, ha detto un funzionario dell’Fbi che ha chiesto di non essere citato in quanto non autorizzato a rilasciare dichiarazioni al pubblico. La fonte ha detto che “è troppo presto fare speculazioni” tra l’uccisione dell’agente e le bombe che hanno devastato Boston il giorno della Maratona.

Visit NBCNews.com for breaking news, world news, and news about the economy